Iscriviti ora alla nostra Veggie Newsletter
e scarica subito 5 gustosissime ricette
Vegan by Uno Cookbook!

Veggie life for Veggie people!

La Sfida

  • Pinterest
  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter

Tensioni viscerali, liberazione legamento del piccolo epiploon - Dott. Valerio Vitale



In questo video viene mostrato come, in una seduta osteopatica con il Dott. Valerio Vitale, vengano liberate alcune tensioni viscerali tra cui quella del legamento del piccolo epiploon.
 
"Abbiamo trovato una tensione della zona del piccolo epiploon, il quale ha tre fasci con tre direzioni. Occorre quindi liberarlo in tutte e tre le direzioni. Si tratta di una struttura tendinea che porta i vasi e i nervi che vanno dallo stomaco fino al fegato, li tiene uniti. 
 
È diviso in due parti: la parte densa e la parte molle che in realtà contiene soltanto una congiunzione fibrosa per contenere questi organi e per relazionarli tra di loro. Si prende un credito di pelle, si traziona il legamento secondo la sua direzione, dopo alcuni secondi si sente un rilasciamento tessutale sotto le mani e quindi la parte in questione risulterà molto più morbida, ovvero liberata. 
 
Il piccolo epiploon è una di quelle strutture che gestisce la mobilità viscerale. Una disfunzione a questo livello può provocare una problematica a livello di mobilità di stomaco o di fegato che non sono intra-toraciti ma infra diaframmatici, però si trovano sotto la griglia costale. Una disfunzione di uno di questi due organi può causare, ad esempio, una disfunzione a livello della cervicale. 
 
Per tensione intendiamo una riduzione della mobilità. Quando c'è una disfunzione a livello delle viscere, al tatto, si sente una diversa densità tessutale. Ciò dipende comunque dall'esperienza  tattile che si è acquisito con il tempo. 
 
Quando si controlla il fegato si controlla sempre anche la vescica. In questo caso è leggermente in tensione.Si tratta del legamento pubo-vescicale, e siccome è un legamento molto piccolo è anche un po' difficile da manipolare. Allora ci allarghiamo come zona e lo testiamo anche in base al legamento vescico-ombellicare. Questi legamenti costituiscono una sequenza meccanica. Quando se ne libera uno si controllano anche gli altri, anche se non è detto che si liberino tutti gli altri di conseguenza. 
 
È possibile che si necessaria almeno un'altra seduta. Bisogna comunque controllarli. Penso che il fegato stia un po' soffrendo anche per un'altra importante relazione, più che altro la cistifellea, in quanto essa ha come zona d'innervazione la d7, d9, appena sopra il fegato che invece è d6, d10  come territorio d'innervazione. La tua sofferenza è d10. Questo mi accende un campanello d'allarme che mi porta a testare le tue strutture come abbiamo fatto nelle precedenti sedute"...
 
Questo è un video di approfondimento de La Sfida di Massimo Leopardi. In questa rubrica sulla web-tv Veggie Channel, Massimo all'età di 50 anni e dopo un lunghissimo trascorso di vita sedentaria decide di rimettersi a fare attività sportiva e come obbiettivo si pone quello di partecipare a gare di livello nazionale nello sport dei tuffi dal trampolino e piattaforma.
 
Valerio Vitale è dottore in fisioterapia e osteopatia.
 
Per contattare il Dott. Valerio Vitale scrivere a osteo.valeriovitale@gmail.com
 
Video realizzato dalla web-tv Veggie Channel.
 
Music: Windswept Kevin MacLeod (incompetech.com)
 

Vota
  • Pinterest
  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
Galleria foto
Video con il Dott. Valerio Vitale e del progetto "La Sfida"








Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere un'ottima esperienza su questa pagina. Cliccando OK ci confermi che sei d'accordo.
OK      Approfondisci