Veggie life for Veggie people
 

Banane OGM in Australia, quali rischi?

Approfondiamo la recente notizia dell’approvazione in Australia di nuove banane OGM, quali sono i rischi reali?

Recentemente l’Australia ha approvato la vendita e il consumo di nuove banane OGM chiamate QCAV-4. Quali sono i rischi e soprattutto quali conseguenze? Facciamo chiarezza.

Se temete da domani di trovare nei vostri negozi banane OGM state tranquilli, questo non accadrà, almeno per il momento. Quanto è accaduto in Australia, invece, deve far riflettere poiché fotografa una tendenza in atto. Quella di andare a modificare geneticamente alcuni alimenti di ampio interesse economico al fine di renderlo più produttivo ed abbattere i costi sulle vendite.

Non deve stupirci questa cosa, poiché il procedimento è il medesimo che negli anni Settanta ha fatto sostituire i grani antichi italiani, suscettibili alle intemperie e poco produttivi, con il grano Creso geneticamente modificato, più basso, robusto, resistente, produttivo e purtroppo glutinoso. Solo così si è potuti arrivare ad un’esplosione del mercato del grano, alla nascita di industrie ormai veri colossi legati alla vendita e alla trasformazione di prodotti ottenuti da questo nuovo frumento OGM. Dopo 50 anni non sarà un caso, ci troviamo tutti con l’intestino infiammato e con una più o meno latente gluten sensitivity.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Veggie Channel (@veggiechannel)

Non deve nemmeno stupirci questa cosa poiché si allinea perfettamente con la deregolamentazione dei nuovi OGM in via di una definitiva approvazione in sede di Parlamento Europeo.

Banane OGM, cosa sono?

Recentemente la Food Standards Australia New Zealand ha dato il via libera alla vendita e al consumo di un nuovo OGM QCAV-4. Si tratta di una banana resistente al fungo TR4, un fungo in rapida espansione e che sta minacciando moltissime piantagioni, verso cui non sembra esistere nessun tipo di cura.

Ci sono voluti 7 anni di studi da parte dei ricercatori della Queensland University of Technology per arrivare alle banane QCAV-4. Sono partiti da una specie di banana asiatica che sembra essere immune a questo fungo. In questa banana hanno evidenziato la presenza attiva di un gene, presente anche nelle tradizionali banane Cavendish ma in forma non attiva. La modifica genetica è stata quindi quella di rendere attivo quel gene. Ovviamente sono stati fatti dei test che hanno negato possibili rischi per la salute e che hanno confermato i medesimi valori tradizionali della banana Cavendish non OGM. La storia, però, ci insegna che le conseguenze si rilevano sempre a distanza di tempo…

Queste banane OGM verranno coltivate in zone separate e controllate, potranno essere usate sia per la distribuzione quanto per la trasformazione di alimenti contenenti banane. L’etichetta seguirà le norme già previste per gli OGM.

banane ogm
banane

In Australia questa novità viene vista come una concreta possibilità per contrastare il rischio di ingenti danni causati alle piantagioni dalla presenza di questo fungo, oltre che una possibilità tramite questa medesima tecnica di modificazione genetica, per far fronte ad eventuali altre malattie.

L’utilizzo effettivo della nuova banana sembra rimanere al momento solo un piano B e la versione OGM del frutto non andrà quindi a sostituire la classica Cavendish.

Banane OGM, in Italia?

Si tratta per ora di uno scenario distante dalla nostra realtà. Per poter essere messe sul mercato in Italia le banane OGM devono essere approvate dall’Unione Europea.

Nessun allarme quindi, ma la necessità di rimane sempre informati e consapevoli. Facciamo sempre attenzione alla qualità e provenienza di ciò che acquistiamo.

Consigliamo anche: Banana bread vegano, senza glutine e senza zucchero

Pancakes vegani e senza glutine alla banana

Edito da

Psicologa food coach, esperta di alimentazione ed igiene naturale, di tecniche di rilassamento e mindfulness, vegan food blogger, segue attraverso consulenze online le persone nel cambio di alimentazione e di stile di vita. Conduttrice radio/tv, attrice ed autrice di libri per bambini e ragazzi. Suo il blog www.isabellavendrame.com in cui trovare articoli e ricette. Segue da diversi anni un'alimentazione vegetale e senza glutine, genuina e naturale, uno stile di vita che le ha regalato salute, sorriso e benessere.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO