Veggie life for Veggie people
 

Liquirizia, rimedio per la pressione bassa

La liquirizia è un rimedio utile in caso di pressione bassa, scopriamo insieme come acquistarla e consumarla

La pressione bassa è un disagio che colpisce molte persone soprattutto con il caldo; scopriamo insieme come acquistare ed usare la liquirizia come rimedio contro i cali di pressione.

Quando il caldo sale, la pressione sanguigna scende, non c’è niente da fare. Lo sappiamo bene in particolare noi donne che in estate proviamo spesso debolezza, capogiri e un frequente senso di affanno.

Il rimedio naturale più utile in assoluto contro la pressione bassa è la liquirizia. Regala un immediato sostegno, ci fa sentire subito meglio e poi è piacevole, facile da assumere al momento del bisogno, comoda da portare via con noi. Senza dubbio rimedio migliore del sale alla lunga dannoso e sinceramente poco pratico e di quelle sostanze eccitanti come caffè e guaranà che ci espongono al rischio inutile di sovraccaricare le ghiandole surrenali.

La liquirizia, perché alza la pressione bassa e si rivela un utile rimedio?

La liquirizia aumenta in modo naturale la pressione sanguigna grazie al suo principale principio attivo, la glicirrizina, che favorisce la ritenzione del sodio e la perdita di potassio ed aumenta così il volume dei fluidi nel sangue. Un sangue con maggior volume significa una pressione più alta.

Il ruolo della liquirizia e del suo principio attivo nell’aumentare la pressione è noto da tempo, ma gli studi condotti non sempre hanno analizzato l’effetto sulla pressione in condizioni standardizzate, cosa avvenuta, invece, nel recente studio svedese della Linkoping University, pubblicato sull’Amercan Journal of clinical Nutrition.

Esistono molte varietà di Glycyrrhiza, pianta che può contenere diverse quantità di principio attivo, che possono variare in base alle condizioni di coltivazione e raccolta.

Lo studio svedese si è svolto su un campione di 28 giovani di età compresa tra i 18 e i 30 anni che hanno assunto 100 milligrammi di acido glicirrizico al giorno sotto forma di pasticche da 3,3 grammi per due settimane, oppure sotto forma di un placebo al gusto di liquirizia. Durante tutto lo studio i partecipanti hanno costantemente monitorato i propri valori di pressione sanguigna.

Il risultato è stato che chi aveva consumato l’acido glicirrizico ha avuto un rialzo medio di pressione sistolica di 3,1 millimetri di mercurio, andando così a confermare il noto meccanismo di azione nell’interferire sulla pressione a livello renale.

Liquirizia come acquistarla come rimedio per la pressione bassa?

La liquirizia deve essere assolutamente pura in tronchetti o pastiglie, senza aggiunta di zucchero o aromi. Nulla a che vedere con certe caramelle al sapore di liquirizia. Preferite un prodotto bio o tipico della zona in cui viviamo. In Italia abbiamo la fortuna di avere le più buone, la famosa liquirizia di Calabria e quella d’Abruzzo coltivata nella provincia di Atri. La liquirizia può essere assunta anche sotto forma di tisana, molto gradevole in estate, soprattutto consumata fredda con aggiunta di limone.

liquirizia rimedio pressione bassa
liquirizia radice

Come consumare la liquirizia?

La liquirizia va consumata con attenzione, soprattutto in caso di pressione alta. È importante non confondere quel tipico senso di debolezza estivo con un effettivo calo di pressione, o un quadro generale di pressione bassa. Questo perché un consumo eccessivo e continuativo di questo alimento può esporre in soggetti che soffrono di pressione alta ad un rischio di malattie cardiovascolari. Oltre agli ipertesi ne è sconsigliato il consumo anche a chi soffre di insufficienza renale, ritenzione idrica, cirrosi epatica.

In generale viene ritenuto sufficiente ed efficace il consumo di 5 gr di liquirizia al giorno pari a circa 0,5 gr di principio attivo. Attenzione a non superare troppo le dosi, cosa spesso facile quando questi dolci tronchetti ci piacciono e ci regalano un senso di benessere.

Quindi, concludendo, in caso di reale pressione bassa portiamo sempre con noi in borsa o nello zaino una scatoletta di liquirizia pura, ancor meglio biologica, e al momento del bisogno consumiamola senza abusarne.

Consigliamo anche: Schisandra, la pianta che potenzia le difese immunitarie, come usarla?

Edito da

Psicologa food coach, esperta di alimentazione ed igiene naturale, di tecniche di rilassamento e mindfulness, vegan food blogger, segue attraverso consulenze online le persone nel cambio di alimentazione e di stile di vita. Conduttrice radio/tv, attrice ed autrice di libri per bambini e ragazzi. Suo il blog www.isabellavendrame.com in cui trovare articoli e ricette. Segue da diversi anni un'alimentazione vegetale e senza glutine, genuina e naturale, uno stile di vita che le ha regalato salute, sorriso e benessere.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO