Veggie life for Veggie people
 

More di rovo, proprietà benefiche

Piccoli e dolci frutti, le more sono un concentrato di minerali, vitamine ed antiossidanti. Scopriamo insieme le proprietà benefiche delle more di rovo

Protagoniste del mese di settembre, le more di rovo sono un frutto che merita essere valorizzato non solo per bontà e facilità d’uso, ma per le molteplici proprietà benefiche.

Spesso associate a boschi e campagne, a qualcosa che si trova, ma non si raccoglie, che si trova volendo anche al supermercato, ma non si acquista preferendo invece i mirtilli, le more, sono un concentrato di nutrimento.

ADV
Gel peeling Seacret

Quando parliamo dei frutti piccoli e sodi che crescono spontanei, in quel caso stiamo parlando delle more di rovo. I frutti invece più grossi e teneri chi si trovano in scatolette al supermercato sono per lo più more di coltivazione.

Indubbiamente le more di rovo, generosamente disponibili, racchiudono in loro l’energia e il calore del sole, mentre quelle di coltivazione sono più povere di nutrienti. Questo comunque non vieta di acquistarle purché di provenienza italiana, ancor meglio se bio.

Non confondiamo le more di rovo con le more di gelso, simili nell’aspetto, ma più grosse ed acidule, che si raccolgono in primavera ed inizio estate dagli alberi di gelso.

Proprietà benefiche delle more di rovo

Come tutti i frutti viola, le more di rovo spiccano per la presenza di antiossidanti, nello specifico antociani rendendo questi piccoli frutti detox, potenti scudi contro i radicali liberi, benefici per la circolazione e la salute di tutto il sistema cardiocircolatorio, oltre che antinfiammatori.

La presenza di numerose fibre li rende amici dell’intestino soprattutto in caso di stipsi. Attenzione invece in presenza di diverticoli poiché i piccoli semi possono scatenare dolori e disagi.

ADV
corso di ecoprinting

Questi ultimi, invece, spesso additati e sgradevoli al palato, sono invece il fiore all’occhiello delle more di rovo. Contengono numerosi acidi grassi tra cui omega 3, non sempre prerogativa solo dei più noti semi di lino, olio extravergine e noci.

Se consumate a crudo, le more di rovo contengono una buona quantità di vitamina C, ma anche di vitamina E. A questo si aggiungono potassio, calcio e fosforo in particolare. La sinergia di tutti questi nutrienti rendono davvero benefiche le more di rovo. Ideali proprio in questo mese in cui abbiamo bisogno di energie psicofisiche per gestire la ripresa delle attività.

Di solito sono molto gradite anche a bambini e ragazzi, approfittiamo per far mangiare loro la frutta, magari trasformando le more in un goloso frullato con latte di cocco.

ADV
Mineral-Rich Clarifying Mud Mask

More di rovo, come mangiarle

Al naturale, certo, ideali al mattino insieme a uno yogurt di soia o con il porridge abituale. In macedonia, con mirtilli e lamponi, ma anche con uva nera e prugne per una merenda estremamente antiossidante e riattivante l’intestino.

Le more di rovo sono perfette per farcire una torta soffice magari al cacao, essere aggiunte all’impasto di biscotti e per completare una crostata, usate sia a crudo che prima della cottura.

L’uso classico, ovviamente, è la marmellata, anche come modalità necessaria per usare le spesso importanti quantità di frutti che si possono raccogliere nel bosco magari durante una passeggiata domenicale. Preparatela senza zucchero, né pectina, solo con succo di limone e della mela. Si conserva perfettamente in vasi sterilizzati, versata ancora calda.

more di rovo
more di rovo
Edito da

Isabella Vendrame, ideatrice e conduttrice della serie Genuino Gluten Free, segue da diversi anni un’alimentazione vegetale e senza glutine, uno stile alimentare che le ha ridato salute, sorriso e benessere. Psicologa oltre che scrittrice ed attrice, segue attraverso consulenze online chi necessita di sostegno emotivo, motivazionale e pratico durante la delicata fase del cambio di alimentazione e di stile di vita. Si occupa anche di tecniche di rilassamento e mindfullness. Suo il blog Naturalmente Free in cui trovare articoli e ricette.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO