Veggie life for Veggie people
 

Polpettone di lenticchie vegano e senza glutine

Una ricetta semplicemente perfetta per il cenone di Capodanno, naturalmente vegetale e senza glutine

A Capodanno le lenticchie non possono mancare, ma come portarle in tavola? Il polpettone di lenticchie vegano e senza glutine può essere la soluzione ideale.

Per il cenone servono delle lenticchie. Sono di buon auspicio, portano soldi, fanno parte della nostra tradizione. Questi piccoli e gustosi legumi possono essere usati in molti modi diversi, ma poiché non sono familiari a tutti, a mio avviso, soprattutto se abbiamo ospiti amici o parenti, è bene trovare una ricetta che non li renda troppo vistosi!

Il polpettone di lenticchie vegano e senza glutine è un modo per camuffare questo ingrediente ed accostarlo al secondo ingrediente della ricetta e cioè le patate, ampiamente gradite a tutti. Il risultato è una sorta di sformato di verdure, dal sapore non spiccatamente di legumi, dalle sembianze simili al ben più noto polpettone di carne. I più distratti lo potranno anche confondere, tanto più se servito con il tradizionale purè, invece i prevenuti o i bambini probabilmente non si accorgeranno nemmeno della presenze delle lenticchie.

Potete presentare il polpettone come un rotolo di patate e di verdure, che, anche chi non è vegano o vegetariano, può tranquillamente accostare a una fetta di arrosto o di cotechino, poiché la tavola non deve dividere, ma unire, soprattutto nei giorni di festa. Per chi come noi ha fatto questa scelta, questa ricetta verrà sicuramente gradita.

Il polpettone di lenticchie può essere mangiato insieme a un’insalata fresca di rucola e radicchio, oppure può essere accompagnata da un piatto di spinaci ai pinoli o di cicoria ripassata, oppure ancora servita con un purè di zucca Delica o di rape bianche.

Lenticchie, perché a Capodanno?

Il fatto che le lenticchie siano associate al Capodanno non è cosa recente poiché si tratta di un’usanza in voga già tra gli antichi romani. Ed è proprio grazie agli antichi romani se ancor oggi siamo soliti consumare la notte di Capodanno questi legumi. I Romani, infatti, erano soliti regalare ad amici e parenti un sacco pieno di lenticchie proprio come augurio di buona sorte. Perché proprio le lenticchie? Perché questi piccoli legumi erano associati per via della loro forma a delle piccole monete. Le lenticchie venivano così regalate in borse di cuoio chiamate scarselle e che venivano legate alla cinta. L’augurio era che si trasformassero in monete.

Persino il famoso intellettuale quanto razionale Immanuel Kant, sembra che la notte del 31 dicembre si cibasse unicamente di lenticchie!

Esistono, però, altre fonti che attribuiscono l’origine di questa usanza al fatto che le lenticchie sono state fin dall’antichità, alimento di sostentamento per un’ampia fascia di persone. Soprattutto nei periodi di carestia e durante le guerre questo alimento povero, ma dall’alto potere nutritivo ha garantito la vita.

Ricordiamo che le lenticchie sono state il primo legume coltivato dall’uomo e per le persone meno abbienti questo alimento di così facile reperibilità e conservazione, è stato fonte di prezioso nutrimento.

Polpettone di lenticchie vegano e senza glutine
Polpettone di lenticchie vegano e senza glutine

Polpettone di lenticchie vegano e senza glutine

Ingredienti (per circa 6 persone):

  • 250 gr di lenticchie
  • 200 gr di patate
  • Una carota grande
  • Farina di mais q.b.
  • Sale fino q.b.
  • Olio extravergine q.b.

Cucinate le lenticchie in abbondante acqua. Scolate e fate intiepidire. A parte cucinate al vapore o fate bollire le patate. Infine grattugiate la carota. Gli ingredienti sono pronti.

Frullate con un frullatore ad immersione le lenticchie. Non dovete ridurle in crema, ma frullarle in modo grossolano ed imperfetto. Schiacciate le patate con una forchetta ed unitele alle lenticchie. Mescolate bene, regolate di sale ed unite le carote.

Versate il composto sulla carta da forno, date la forma di una sorta di salame o grande polpetta. Passate sulla superficie della farina di mais e un filo di olio. Avvolgete bene il polpettone di lenticchie e cucinate in forno ventilato o statico per circa 30 minuti a 180 gradi. Fate intiepidire, tagliate a fette e servite. Se desiderato, ogni fetta può essere ulteriormente ripassata in forno per acquisire una bella crosticina. Si conserva in frigorifero per tre giorni.

Consigliamo anche: Gusto e benessere anche a Capodanno!

Riso integrale alle lenticchie e rapa rossa

Edito da

Psicologa food coach, esperta di alimentazione ed igiene naturale, di tecniche di rilassamento e mindfulness, vegan food blogger, segue attraverso consulenze online le persone nel cambio di alimentazione e di stile di vita. Conduttrice radio/tv, attrice ed autrice di libri per bambini e ragazzi. Suo il blog www.isabellavendrame.com in cui trovare articoli e ricette. Segue da diversi anni un'alimentazione vegetale e senza glutine, genuina e naturale, uno stile di vita che le ha regalato salute, sorriso e benessere.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO