Veggie life for Veggie people
 

Come deve essere un menù di Natale vegano adatto a tutti?

Non è semplice preparare un menù di Natale vegano adatto anche a chi non mangia vegetale. I nostri consigli per realizzare un menù di Natale vegano davvero adatto a tutti!

Il nostro desiderio è quello di condividere i nostri pasti e le nostre scelte vegetali anche con gli altri e le feste possono rivelarsi l’occasione giusta per farlo. Ma come preparare un menù di Natale vegano per tutti?

Lo sappiamo, i pregiudizi sono tanti. Far accogliere un menù completamente vegetale ad amici e parenti lontani dalla nostra scelta è spesso molto difficile. I luoghi comuni dilagano e si crede che mangiare vegano voglia dire per forza cibi strani, repliche forzate dei piatti abituali o mangiare solo riso, insalata, legumi.

Niente di più sbagliato. Se noi siamo i primi a proporre ai nostri ospiti una “finta carbonara” con pancetta vegana, un arrosto di seitan o una grigliata di finta carne… beh, effettivamente serviamo su un piatto d’argento la possibilità di dire, no, quelle cose non le mangio proprio!

Dobbiamo essere noi i primi a trasmettere l’idea e in questo caso anche il risvolto pratico che mangiare vegetale può essere per tutti. Che significa verdure di stagione, frutta fresca e secca, varietà di cereali, che significa ritrovare quel mangiare semplice che rendeva così felice gli uomini e le donne di un tempo. Magari con un tocco chic, gourmet come si dice oggi, con i giusti abbinamenti di colori e sapori.

Come deve essere un menù di Natale vegano per tutti?

Un menù di Natale vegano adatto a tutti a mio avviso deve avere tre caratteristiche principali:

  1. Non deve contenere ingredienti strani, da quelli tipicamente da “vegani” come tofu, seitan, tempeh e surrogati vari di burger, carne, pesce, mozzarelle, fino a quelli meno familiari come miso, alghe, funghi shitake, salsa di soia, hummus, tahin. Questi ingredienti generano facili pregiudizi, creano disagio, risultano troppo un salto nel buio per molte persone.
  2. Non deve contenere legumi. Per due motivi. Il primo è che i legumi non sono graditi a tutti. Chi mangia vegetale è abituato ad un consumo più o meno ampio di una varietà di legumi come ceci, lenticchie e lenticchie decorticate, soia, fagioli di vario tipo, cicerchie. La maggior parte delle persone, invece, non va oltre il consumo di piselli e magari qualche cecio o fagiolo in base alle tradizioni del proprio territorio. Oltre a questo, e vengo così al secondo motivo, i legumi non sono sempre di facile digestione, per tutti. All’interno di un pasto importante come quello di Natale, che prevede il mescolarsi di svariati alimenti, consumare dei legumi può creare gonfiore, mal di pancia e disagi intestinali. Meglio evitare o almeno ridurre al minimo!
  3. Deve essere facilmente integrabile. Probabilmente il nostro menù vegetale sarà accostato a delle portate onnivore. Per evitare che le nostre proposte non siano accolte ed evitate è bene pensarle in modo che con grande facilità possano essere accostate anche ad altre pietanze. Ecco quindi che la nostra insalata sfiziosa di antipasto può diventare il contorno che un altro ospite mangerà insieme all’arrosto, il nostro primo piatto vegetale può essere un facile bis e il nostro secondo di verdure diventare un ennesimo contorno o un assaggio inseribile in modo semplice ovunque. Anche il nostro dolce deve poter essere integrato facilmente e poter essere unito al panettone o al pandoro.
Natale piatto vegano
ricetta Natale

Cosa deve quindi contenere un menù di Natale vegano adatto a tutti?

  • Verdura di stagione come biete, spinaci, cicoria, cime di rapa, finocchi, rape, cavolfiori e broccoli, cavolo nero, patate, carote.
  • Frutta di stagione fresca, secca ed essiccata. Spazio a melograno e kiwi, mele e pere, mandarini ed arance, ma anche a noci, arachidi e nocciole, a datteri e a fichi secchi.
  • Cereali integrali e di qualità come del farro monococco, dei cereali antichi, del riso integrale, del grano saraceno, del mais bianco e giallo.
  • Condimenti tipici del nostro territorio come olio extravergine di qualità ed aceto balsamico.

Un menù di Natale vegano adatto a tutti deve essere in linea con le nostre tradizioni, con gli alimenti tipici del nostro territorio, deve portare in tavola la bellezza e l’energia della natura!

Consigliamo anche: Menù di Natale vegano e senza glutine adatto a tutti

Quali dolci si mangiano a Natale nel mondo?

Menù di Natale vegano, ricette con la zucca

Menù di Natale vegano e senza glutine

Un Natale più semplice e più autentico

Edito da

Psicologa food coach, esperta di alimentazione ed igiene naturale, di tecniche di rilassamento e mindfulness, vegan food blogger, segue attraverso consulenze online le persone nel cambio di alimentazione e di stile di vita. Conduttrice radio/tv, attrice ed autrice di libri per bambini e ragazzi. Suo il blog www.isabellavendrame.com in cui trovare articoli e ricette. Segue da diversi anni un'alimentazione vegetale e senza glutine, genuina e naturale, uno stile di vita che le ha regalato salute, sorriso e benessere.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO