Veggie life for Veggie people

Fiona Oakes e il Santuario di animali Tower Hill Stables

Fiona Oakes, ultramaratoneta vegana che salva animali dai macelli e gestisce il santuario Tower Hill Stables

Fiona Oakes, ultramaratoneta, vegana sin da bambina, ora salva animali dai macelli che custodisce nel suo santuario Tower Hill Stables. È una delle pochissime persone al mondo che rappresentano la cultura vegan in modo così efficace. Per sponsorizzare il suo santuario di animali, Fiona Oakes corre maratone e ultramaratone e a oggi detiene 4 primati a livello mondiale. Il team di Veggie Channel è andato a trovarla nel Tower Hill Stables Animal Sanctuary. In quest’intervista Fiona parla dei suoi animali (oltre 500) e del funzionamento della grande fattoria – paradiso di mucche, cavalli, maiali e altri.

Fiona Oakes e il suo Tower Hill Stables Animal Sanctuary

Ho sempre fatto piccoli soccorsi, ho avuto delle galline, dei gatti, dei cavalli nei maneggi o nelle fattorie. Nel 1996 uno dei cavalli ebbe un brutto incidente. L’ho quasi perso. È stato a causa dell’allevatore che teneva i miei cavalli all’aperto. Permetteva alla gente di andare sui campi e sparare. Il mio cavallo Oscar si è impalato su una recinzione, ha strappato il suo quarto posteriore, una terribile lesione da filo spinato e lo abbiamo quasi perso. A quel punto ci siamo detti: non possiamo continuare a farlo. Non possiamo continuare a spendere tutti i nostri soldi dandoli a qualcun altro per in pratica non prendersi cura degli animali.

ADV
verdesativa

Incominciammo a cercare di acquistare un piccolo posto con un po’ di terra, il massimo che potevamo permetterci per fare salvataggi. Fu allora che acquistammo l’altro sito il Tower Hill Stables Animal Sanctuary. Era letteralmente solo una proprietà equestre, alcuni ettari di terra e un bungalow. E da lì in poi ha iniziato ad espandersi. L’idea era sempre che sarei rimasta a casa a prendermi cura degli animali e Martin sarebbe andato a lavorare per guadagnare. Da lì in poi è cresciuto, da 25 anni circa e eccoci qua ancora in espansione.

Come gestisci gli allenamenti e il lavoro in questo enorme posto ogni giorno?

È un grande lavoro. Ci vuole solo disciplina, non consiglierei a nessuno di essere messo qui a fare questo. Ma è cresciuto con me in modo molto organico. Sono sempre stata mattiniera, ma devo alzarmi alle 3:30 del mattino. Questo è il modo in cui ci riesco. Vado a dormire alle nove, le dieci di sera. Sono fortunata a non aver bisogno di dormire molto. E questo è ogni giorno, sette giorni alla settimana.

Cosa insegna il santuario Tower Hill Stables alla gente?

La cosa più importante è trasmettere queste informazioni sulla sostenibilità, educando le persone. Vorrei che non ci fossero per niente i santuari. Non desidero gestire un santuario. Vorrei che non fossero necessari i santuari, ma al momento ce n’è bisogno. L’istruzione è la via da seguire. Consentire alle persone di interagire individualmente con gli animali e apprendere che questi animali hanno una personalità. Perché siamo a metà strada. Le persone accettano che cani e gatti facciano parte della loro famiglia. Voglio solo estendere questo concetto, spostare la barriera e dire: qual è la differenza tra una mucca, un maiale e una pecora? Fanno tutti parte della nostra famiglia globale.

A volte ti senti obbligata di correre queste maratone solo perché hai bisogno di ottenere visibilità per il santuario?

Non sono la persona migliore per correre perché mi è stato detto che non avrei mai più camminato correttamente. Per non parlare del correre dopo molteplici interventi chirurgici alle mie ginocchia che ho avuto da adolescente. La gente dice: “Perché hai iniziato a correre allora?” Già provenivo da un passato ciclistico, perché il ciclismo era un movimento continuo senza impatto. E l’unico motivo per cui ho pensato di correre è stato perché mi sono resa conto, subito dopo aver preso il santuario, che non potevo salvare tutti gli animali. Dobbiamo fermare il bisogno di dover salvare animali, dobbiamo affrontare questo problema.

ADV
full banner 1199x200 verdesativa
Julia Ovchinnikova, santuario di animali Tower Hill Stables
mucca salvata e Massimo Leopardi

Ho voluto fare qualcosa nei primi anni novanta e l’unica cosa a cui potevo pensare era lo sport. E non c’era alcun interesse nello sport femminile. Ma nel Regno Unito c’era molto interesse per le maratone a causa di Paula Radcliffe. Quindi ho pensato che io stessa avrei fatto bene a fare delle maratone. Mi resi conto che avrei dovuto investire molta energia in questo ma ho pensato che questo sarebbe stata pubblicità gratuita per il Tower Hill Stables e pubblicità positiva per il veganismo. Quindi era una specie di doppia vittoria. Potevo in qualche modo sacrificarmi e mettermi in gioco per la causa.

Correre per gli animali

In realtà non amo correre, devo ammettere. Non mi piace particolarmente. Mi piace il fatto che posso correre o zampettare o qualunque cosa sia, come faccio. Non mi piace il fatto dell’allenamento. Devo percorrere cento miglia e ho allenamenti di qua e di là e ovunque ma … Penso di essere probabilmente più ispirata a farlo perché ho un motivo molto tangibile per espormi, diverso da un trofeo o un Garmin o un record o qualcosa del genere. In realtà ho un motivo più grande per me per fare tutto questo.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO