Veggie life for Veggie people

Jordi Casamitjana, attivista per i diritti degli animali e dei vegani etici

La storia di Jordi Casamitjana, attivista animalista che lotta per proteggere legalmente i vegani etici

Chi è Jordi Casamitjana, attivista per i diritti degli animali? Lo chiamano “l’uomo delle vespe”, “l’uomo delle scimmie”, “l’uomo degli zoo”, “l’uomo dei tori” e ora “l’uomo dei diritti dei vegani”. Ora potrebbe finire per garantire la protezione di tutti i vegani etici dalla discriminazione.

Jordi Casamitjana, uno zoologo residente nel Regno Unito che ha lavorato per decenni per la protezione degli animali; vegano etico da più di 17 anni. È attualmente (2019) coinvolto in una causa presso il tribunale del lavoro contro un ente di beneficenza per il benessere degli animali che lo ha licenziato nel 2018. Il tribunale valuterà se è stato licenziato ingiustamente in quanto vegano etico e/o ha fornito delle informazioni sul fatto che il fondo pensionistico impiegato dalla sua società investe in aziende che effettuano test sugli animali (sperimentazione animale).

ADV
verdesativa

Il caso di Jordi Casamitjana

Tuttavia, affinché il suo caso venga ascoltato, il giudice deve prima determinare se il veganismo etico è una credenza filosofica protetta ai sensi dell’Atto 2010 (Legge sull’uguaglianza), poiché è la prima volta nel Regno Unito in cui si affronta una tale causa legale. Pertanto, se la causa di Jordi avrà successo, assicurerà efficacemente la protezione legale di tutti i vegani etici dalla discriminazione. Tuttavia, Jordi, non avendo abbastanza fondi per pagare le sue spese legali, ha iniziato a raccogliere fondi.

“Non ho pianificato questo, ma la provvidenza mi ha fornito questa opportunità per aiutare tutti i vegani nel mondo. Il veganismo sta crescendo così in fretta. Stiamo entrando in questa nuova fase del veganismo, che è la fase politica in cui le leggi e la legislazione e le politiche e le normative iniziano a svolgere un ruolo nel rendere il mondo vegan. Forse il mio caso è il primo passo verso una grande apertura per iniziare a sviluppare leggi che permettano più facilmente alle persone di diventare vegane e rimanere vegane. Alla fine, più vegani ci saranno nel mondo, tanti più animali verranno salvati”.

Una vita per cercare di proteggere gli animali

Jordi Casamitjana è cresciuto in Catalogna durante la dittatura fascista del generale Franco. La prima esperienza di oppressione ha risvegliato la sua empatia verso le altre vittime oppresse, in questo caso animali. È diventato uno zoologo specializzato nel comportamento animale (etologo) e per molti anni è diventato un esperto di vespe sociali. Quando si rese conto di quanto simili fossero questi insetti con gli umani per così tanti aspetti e di quanto fossero trattati ingiustamente, decise che voleva trascorrere la sua vita cercando di proteggere gli animali.

Come pensi che sarà possibile difendere gli animali?

“Per difendere gli animali bisogna dare loro il rispetto di cui hanno bisogno. Il rispetto inizia con l’accettazione di chi sono, non come oggetti. Senza disturbare le loro funzioni. La prima cosa da fare se non rispetti qualcuno è ignorare i suoi valori. E tutti gli animali hanno un valore intrinseco. Non importa quali specie siano.

ADV
full banner 1199x200 verdesativa

Tutti vogliono vivere, tutti vogliono evitare il dolore, la sofferenza e le brutte situazioni. Tutti hanno obiettivi e ambizioni. E lottano per la vita e hanno ostacoli da superare. Come noi. Quindi quando riconosci che ogni specie è così, ogni individuo in qualsiasi specie è così, allora riconosci che non c’è quella differenza. E se ritieni di meritare alcuni diritti, di meritare di non essere abusato o sfruttato, devi concedere a chiunque gli stessi diritti.

E c’è un punto filosofico fondamentale sul perché gli animali debbano essere protetti. Ciò ti consente solo di fare il passo per evitare qualsiasi confronto con gli animali, evitando di ferirli, evitando di sfruttarli. Ma sono già sfruttati. Tanti sono già stati maltrattati, cacciati o utilizzati nei laboratori o usati come cibo. Quindi hanno già bisogno di aiuto, non è sufficiente solo dire: non li farò del male. Dobbiamo impedire attivamente che vengano feriti da altri simili perché da generazioni e secoli lo facciamo. E non è necessario. Non è necessario continuare a farlo”.

“L’uomo delle scimmie” e la conferenza di 13 ore

Jordi Casamitjana lasciò la Catalogna e, dopo aver provato in diversi paesi, si stabilì infine nel Regno Unito. Viaggiando per mesi in autostop in cerca di lavoro, ottenne il suo primo lavoro per la protezione degli animali presso il Monkey Sanctuary di Looe (ora chiamato Wild Futures). Lì tentò di riabilitare una colonia di scimmie lanose in cattività, reintroducendole nell’Amazzonia brasiliana.

ADV
verdesativa

Come parte dei suoi sforzi per raccogliere fondi per questo progetto, nel 1998 Jordi ha tenuto una conferenza scientifica ininterrotta e senza aiuto di 13 ore alla Plymouth University, che gli ha dato notorietà in quel momento.

“Non-stop, niente bevande, niente cibo, niente pause per il bagno, niente appunti, tutto a memoria. E la gente scommetteva su di me per ogni ora che parlavo. Dicevano: “Ti do 5 sterline all’ora per parlare”. La gente dava soldi per questo. Era un discorso strutturato. All’esterno c’era un foglio con il programma.

Tutto era nella mia testa. Per prepararmi ho acquistato l’ultimo libro pubblicato di ogni disciplina scientifica per conoscere le ultime notizie. Li ho letti tutti. Poi ho preso una lunga striscia di carta, una lunga carta da parati e ho riportato su di essa uno schema con l’intero discorso e l’ho affisso nei giardini”.

23 giorni in isolamento per scrivere un romanzo e diventare vegan

Dopo aver lasciato il Santuario Wild Futures, ha lavorato per la Born Free Foundation per diverse campagne contro gli zoo, e ha indagato più di 200 collezioni zoologiche. Con le sue denunce é riuscito a far chiuderne definitivamente cinque zoo (incluso lo zoo di Glasgow). Fu durante questo periodo che, dopo un incidente sul lavoro nel 2001 che gli fece perdere coscienza per un po’, decise di scrivere un romanzo. Lo fece durante 23 giorni in isolamento in un’isola del Mare del Nord.

L’esperienza di scrivere questo libro, che è stato successivamente pubblicato (con lo pseudonimo di J.C. Costa e che s’intitola “The Demon’s Trial”), gli ha permesso di confrontarsi con le sue scelte di vita. E, come se avesse avuto una sorta di “epifania”, è tornato dall’isola in qualità di vegano etico e lo è rimasto fino ad oggi.

vegano etico Jordi
viedto della corrida in Catalogna

Indagini sotto copertura per proteggere gli animali

Nel 2002 Jordi Casamitjana è diventato un investigatore indipendente per la protezione degli animali ed è stato assunto da diverse organizzazioni per esporre legalmente la crudeltà verso gli animali attraverso indagini sotto copertura. Il lavoro più importante che ha svolto in questo periodo è stato l’esposizione dell’industria dell’acquario pubblico.

Nel 2004 è entrato a far parte della League Against Cruel Sports, dove ha lavorato ai primi procedimenti giudiziari di successo contro i cacciatori illegali ai sensi del nuovo Hunting Act del 2004 (atto della caccia). Ha anche iniziato una campagna anti-corrida, che lo ha portato a viaggiare in tutte le regioni della corrida nel mondo per investigare l’industria e unificare con successo il movimento anti-corrida. Ha continuato a farlo quando si è trasferito a lavorare per l’organizzazione anti-corrida olandese CAS-International come coordinatore delle campagne.

Lavoro per diverse organizzazioni per la protezione degli animali in tutto il mondo

Nel 2009 è diventato un consulente indipendente per il benessere degli animali che lavora per diverse organizzazioni per la protezione degli animali in tutto il mondo. Ed è stato durante questo periodo che si è unito al team che è riuscito a vietare la corrida in Catalogna. Nel 2013 è diventato Responsabile delle campagne e Direttore esecutivo presso l’ufficio britannico dell’International Fund for Animal Welfare (IFAW) dove ha continuato a lavorare sulla caccia. Ha scritto il rapporto completo intitolato “Trail of Lies” in cui ha esposto la caccia all’inseguimento come falso alibi per la caccia illegale.

Quindi è tornato di nuovo alla League Against Cruel Sports come Capo della politica e della ricerca, da cui è stato alla fine licenziato portando al procedimento giudiziario in corso che gli ha dato nuova notorietà. Conosciuto per essere un vegano schietto, Jordi Casamitjana può spesso essere visto partecipare a diversi tipi di attivismo di sensibilizzazione vegana in tutta Londra.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO