Veggie life for Veggie people

Storia di Timofey Dubrovskih, attivista russo

Esempio di Timofey Dubrovskih, persona coraggiosa che lotta per le ingiustizie sociali e per il rispetto della vita degli animali

Gli animalisti e gli attivisti in genere sparsi in tutto il mondo si riconosceranno in Timofey Dubrovskih. Nasce da esperienze vissute sulla propria pelle, da tentativi individuali di trasformare radicalmente le ingiustizie nel mondo. Fino al sollievo di constatare che la sua lotta è la stessa di moltissimi altri suoi simili presenti in tutte le altre aree del mondo.

I primi incontri internazionali tra animalisti attivisti hanno dato maggior vigore alle battaglie di Timofey e dei suoi coetanei russi. La crudeltà esercitata inutilmente sugli animali produce la stessa rabbia nelle persone di tutto il mondo, quando questi ne vengono realmente a contatto.

ADV

Una storia che serve a unire le genti di tutto il mondo che desiderano nello stesso modo e con la stessa energia di fare qualcosa per far cessare le inutili sofferenze che la specie umana sta infliggendo agli animali. Una lotta internazionale che sta creando la sua rete e che presto diventerà così potente che nessuno la potrà ignorare. Questo è grazie a persone coraggiose come Timofey Dubrovskih.

Dall’apertura di un negozio vegano all’organizzazione di eventi di promozione della cultura vegana

Timofey rappresenta un gruppo di persone che si chiama Birds. Lavorano dal 2012 a Perm. “Tutto è cominciato con l’apertura di un negozio vegano che è esistito dal 2012 alla fine del 2013. Era un posto unico. La nostra missione era quella di risolvere il problema di trovare la maionese vegana, il tofu e il prosciutto vegan nella città di Perm. Quando stavamo per chiudere, si è aperta la catena di negozi “Lakshmi” e loro hanno continuato la stessa missione che avevamo noi. Abbiamo pensato: perché essere in due a fare la stessa cosa? Forse possiamo occuparci di qualcosa di nostro, più autentico, più efficace?

Abbiamo cominciato ad organizzare eventi, per esempio, il Mese Vegan. Ogni anno già da 5 anni organizziamo delle serate a novembre perché novembre è il mese vegano internazionale. Cambiamo diversi format, utilizziamo diversi metodi per parlare del tema della protezione degli animali da fattoria. Tramite masterclass, tramite shopping tour, tramite serate, cinema protezioni e altri format. Portiamo diversi relatori e utilizziamo i metodi che ci sembrano più efficaci per parlare di questo.

Timofey Dubrovskih parla dello sfruttamento animale ma in modo non cruento

Inoltre facciamo dei siti informativi. Uno di questi è whyanimals.ru Ad un certo punto ho capito che su internet ci sono pochi siti, c’è poco spazio dove si parla degli animali da fattoria in modo cruelty free. Abbiamo capito che dovevamo creare una risorsa di questo tipo, abbiamo avuto un appoggio e siamo molto contenti di averla creata. Abbiamo trattato 8 cose diverse: i centri di addestramento per la caccia, il latte, la carne di mucca, la carne di maiale, i test su animali, le uova, la carne di pollo, i divertimenti con gli animali.

ADV

Ogni storia è un “long read” accompagnato dalle immagini, dai testi. Per noi era molto importante che tutto fosse fatto in modo accurato. Per far sì che una mamma con un figlio potesse leggerlo senza che le uscissero gli occhi dalle orbite a causa della visione del sangue. E ci siamo riusciti.

Il secondo scopo era di fare tutto in modo obiettivo. Per questo abbiamo linkato le fonti per ogni dato. Per me è molto importante perché su internet c’è molto CAPS LOCK, c’è molta aggressione da parte dei nostri colleghi di questo movimento. Noi volevamo creare un’alternativa, fare vedere che c’è un’altra modalità: parlare in un campo obiettivo, nel campo di discussione, mostrando quello che succede senza valutazione emotiva”.

“La crudeltà a volte è molto più vicino di quello che si pensi”

Grazie a Timofey Dubrovskih è nata la Mappa della crudeltà della regione di Perm. “Ci sono segnalati il maggior numero dei luoghi dove avviene perpetrata della violenza non necessaria sugli animali. Ad un certo punto abbiamo fatto una nostra ricerca interna. Eravamo interessati a capire dove nella regione di Perm veniva perpetrata la crudeltà. Per questo abbiamo fatto dei viaggi, delle riprese con droni, abbiamo fatto delle ricerche in rete a riguardo dei posti dove la crudeltà avveniva.

ADV
verdesativa

Sono allevamenti di polli, centri di addestramento per la caccia, allevamenti da latte e da carne, un allevamento di maiali e altri luoghi dove avviene la crudeltà, come i laboratori per la vivisezione, i circhi, gli zoo, i negozi dove si possono accarezzare gli animali. Abbiamo scoperto circa 270 luoghi dove ciò avviene nella regione di Perm e li abbiamo segnalati nella mappa. Volevamo far capire alle persone che la crudeltà a volte è molto più vicino di quello che si pensi.

Tutto questo è cominciato per il fatto che una mia collega ha una casa di campagna vicino ad un allevamento di maiali. E noi, attivisti, d’estate andavamo ogni settimana in quella casa e non facevamo attenzione a questo allevamento. Non eravamo sufficientemente motivati, forse avevamo paura o qualcos’altro.

Ma ad un certo momento ci siamo andati e la nostra vita è cambiata molto. Perché è un posto dove tengono circa 80 mila maiali ed è uno stabilimento enorme e si trova circa 5 – 10 minuti di macchina dalla casa. Questo in qualche modo cambia il nostro approccio verso la casa, verso gli animali, visto che è così vicino.

Mostrando che questi luoghi si trovano vicino a dove lavoriamo, dove abitiamo o dove abbiamo la casa di campagna, noi costruiamo un ponte tra la vita normale delle persone e quella crudeltà che è nascosta dietro i muri. Noi apriamo un po’ questa cortina per far sì che le persone capiscano cosa succede realmente e facciano una scelta consapevole per rifiutare questa crudeltà, se questo per loro è importante”.

Essere in sintonia con la comunità animalista russa e internazionale

Parlando del futuro, per me è importante andare verso tutta la comunità che parla la lingua russa nel mondo. In parte per questo abbiamo creato il sito whyanimals.ru perché non è legato a Perm, è semplicemente in russo. In Russia, in lingua russa non conosco risorse del genere. Ci sono, ma sono un po’ diverse. Abbiamo occupato una nicchia e questo è un bene. In questa situazione per me è importante essere in linea con la comunità animalista russa e internazionale. Io sfrutto tutte le possibilità che ho.

Timofey Dubrovskih
attivista vegan russo

A maggio 2019 con un amico siamo andati ad una conferenza animalista a San Pietroburgo. È stata la prima conferenza animalista in Russia. È stato molto importante perché ci siamo visti gli uni con gli altri. Eravamo circa 300 persone da tutte le parti del nostro paese. C’erano ovviamente dei relatori da altri paesi, cosa ci ha incoraggiato. Sono contento che i movimenti di questa grandezza in Russia siano legati ad un approccio non radicale riguardo alla protezione degli animali.

Le lezioni e le discussioni svolte durante questa conferenza erano in chiave di come essere gentili, come essere compassionevoli. Come essere aperti verso le persone e verso i nostri colleghi per far sì che insieme alla lunga, efficacemente, accuratamente continuare a costruire questo mondo.

In Russia le persone con un approccio radicale esistono ed è figo, anche io lo sono stato. Sono contento che la gente passi attraverso questo e poi vada avanti e già pensi all’efficacia. Non solo di come esprimere la propria rabbia e il proprio dolore, ma di come questo influenzerà le persone intorno e di come questo sia realmente utile per gli animali”.

“Essere in linea con il movimento mi sostiene molto”

Nel 2018 Timofey Dubrovskih con una sua collega sono andati alla conferenza CARE a Praga. “Eravamo gli unici relatori dalla Russia ed è stato abbastanza interessante conoscere il movimento internazionale. Come queste persone ragionano, chi sono, come si comportano nella vita quotidiana. Questo ispira molto: abbiamo incontrato 300-400 persone che hanno la stessa visione.

Il momento clou di questa sensazione di unione è successo quando stavamo in fila per mangiare. Eravamo in 300 e io capivo che quasi tutte le persone qui sono vegane, quasi tutti sono attivisti e siamo insieme. Se a Perm siamo in 5, a Mosca siamo in 300, globalmente siamo ancora di più. E questa sensazione del movimento comune mi sostiene molto.

Si sente bisogno di avere altre persone nuove sulla stessa linea d’onda. Quando viaggio da qualche parte e faccio conoscenza con queste persone, nuovamente capisco che non sono solo e che siamo sulla stessa linea con il movimento mondiale. Questo è molto importante”.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO