Veggie life for Veggie people

Allevamenti intensivi come causa primaria della distruzione del pianeta

Se vogliamo creare una società di libertà, abbondanza, pace, uguaglianza, dobbiamo passare ad un’alimentazione vegetale e chiudere gli allevamenti intensivi, afferma Will Tuttle

Le evidenze scientifiche parlano da sé. Will Tuttle, celebre autore, filosofo, docente e musicista, ribadisce che gli allevamenti intensivi sono la causa primaria della distruzione della Terra. Il suo libro “Cibo per la pace” (The World Peace Diet), tradotto in 18 lingue, è stato definito uno dei libri più importanti del 21° secolo. Il Prof. Will Tuttle è impegnato in conferenze in tutto il mondo per mettere in evidenza alcune delle idee contenute in questo libro. Nell’estate 2015 ha svolto un tour anche in Italia e a Roma Beatrice Mudadu l’ha potuto intervistare per Veggie Channel.

“Sono un attivista vegano da 30-35 anni. Il punto centrale del lavoro che faccio è di aiutare la gente a guardare più profondamente alle ramificazioni delle nostre scelte alimentari, alle conseguenze del mangiare carne, latte, derivati e uova nei confronti del nostro ambiente, della nostra salute, più profondamente della nostra cultura. E ad un livello ancora più profondo: della nostra coscienza interiore.

ADV
verdesativa

Vedendo la dimensione spirituale, psicologica del nostro essere, non c’è niente che ci ferma dal creare un mondo di libertà, gioia, pace e abbondanza per tutti. Il punto è di capire che siamo cresciuti in una società che abusa gli animali principalmente per cibo e altri prodotti. Facendo quello, non solo devastiamo la nostra terra e la nostra società, ma anche le possibilità per creare un mondo di libertà, pace e abbondanza per tutti.

Forzati a mangiare carne e derivati animali da piccoli, ci scolleghiamo dalla compassione

Siamo cresciuti in una società dove siamo stati forzati, in vari modi, contro la nostra volontà da quando eravamo neonati, a mangiare un certo tipo di cibo (carne, latte e derivati e uova) come fulcro principale della nostra alimentazione. Questo ci desensibilizza perché ci scollega dalla compassione e dall’intelligenza intrinseca che abbiamo naturalmente. Facendo questo, diventa più difficile per noi come società, gestire i problemi che stiamo creando.

La cosa interessante da comprendere è che gli allevamenti intensivi nel mondo sono la forza motrice principale dietro l’erosione del suolo, l’inquinamento e la mancanza d’acqua, il cambiamento climatico, l’estinzione delle specie e la devastazione degli oceani. In altre parole tutti i problemi principali ambientali che stiamo vivendo vengono mossi dagli allevamenti. È anche la forza motrice dietro uno dei problemi culturali che stiamo avendo come guerre, fame, ingiustizie sociali, abuso di droghe. E ad un altro livello – dietro le malattie fisiche che stiamo avendo.

Passare ad un’alimentazione a base vegetale cosa comporta?

I nostri scienziati adesso sono consapevoli che avere una dieta che include carne, latte e derivati e uova, favorisce cancro, malattie cardiovascolari, ictus, diabete, obesità, malattie del fegato e dei reni, malattie autoimmuni, demenza e altro. Quindi possiamo essere in salute psicologicamente, fisicamente, culturalmente e con l’ambiente pulito se passiamo ad un’alimentazione a base vegetale.

ADV
full banner 1199x200 verdesativa

Non c’è nessun’altra ragione per non farlo. Non solo per la mia salute ma anche per la salute degli altri, degli animali, anche selvaggi, delle generazioni future. Per l’ecosistema, per chi soffre la fame, per chi lavora nei mattatoi. Siamo tutti interconnessi.

Questo è allineato agli insegnamenti dell’antica saggezza di molte tradizioni spirituali e filosofiche del mondo che insegnano ahimsa (non violenza), l’interconnessione di tutte le vite. Viviamo in tempi critici e con il lusso di fare quello che vogliamo, l’ecosistema del nostro pianeta viene completamente portato all’estremo. La relazione tra la gente, tra le nazioni sta diventando sempre più pericolosa e vulnerabile. Basandoci sulla saggezza antica, dobbiamo creare una vita molto più felice per tutti.

Proteine e dieta vegana

Una delle cose che penso venga mal interpretata è che abbiamo bisogno di mangiare carne, latte e derivati per avere abbastanza proteine. È stato completamente dimostrato che non è vero. La proteina che deriva dalle piante in realtà è di qualità superiore a quelle degli animali. Le piante creano tutti gli aminoacidi che a loro volta creano tutti i tipi diversi di proteine. Il nostro corpo crea milioni di tipi diversi di proteine dai 21 aminoacidi essenziali che sono creati dalle piante attraverso la fotosintesi.

ADV
verdesativa

Se mangiamo carne, otteniamo proteine ma sono aminoacidi presi dalla mucca o dal maiale o dal pollo o dal pesce e poi convertiti in altri tipi di proteine. Ingerire questo tipo di proteine significa che il nostro corpo ha molto lavoro in più da fare. Deve scomporre quelle proteine e poi ricreare altri tipi di proteine. Questo processo crea più scarti, più acidità, più infiammazione.

Ed è la forza motrice delle malattie del fegato, dei reni, artrite, infiammazioni in generale che danneggiano e creano altre malattie al corpo. Mentre se mangiamo le proteine che sono naturalmente nelle piante, allora otteniamo gli amminoacidi nel corpo che può usare come vuole. Quindi non c’è ragione reale per mangiare animali per ottenere abbastanza proteine. Le verdure hanno davvero tante proteine, i cereali e legumi anche hanno tante proteine.

Will Tuttle
Il cibo industriale distrugge la società?

Allevamenti intensivi e violenza contro la femmina animale

È importante capire che l’allevamento è sempre stata la dominazione degli animali da parte degli esseri umani. Ma più accuratamente è la dominazione sull’animale femmina da parte dell’uomo. Al principio dell’allevamento di animali, le pecore, le capre, le mucche, i maiali, era un lavoro da uomo. E non era solo il fatto di abusarli e ucciderli per cibo, ma dovevano essere rese gravide contro la loro volontà, i cuccioli dovevano essere rubati.

Quindi l’allevamento è sempre stato basato sulla gravidanza forzata, o in altri termini stupro, degli animali. E la nostra società è stata forzata per molte generazioni a scollegarsi dalla naturale gentilezza, sensibilità, tenerezza verso la femmina e verso la Dimensione sacra femminile.

Se vogliamo creare una società di libertà, abbondanza, pace, uguaglianza, dobbiamo passare ad un’alimentazione vegetale, dove non indulgiamo nella violenza sessuale contro la femmina animale, opprimendo le femmine animali e rubando i loro cuccioli. Quel tipo di violenza sessuale che c’è nell’industria del latte, della carne in generale, causa enorme sofferenza a questi animali ma causa anche dolore a noi. Perché noi come esseri umani dobbiamo chiudere il nostro cuore naturale che cura, che è amorevole, e anche le nostre emozioni. Sessismo, specismo, quindi abuso di donne e animali, sono sempre andati insieme. Anche razzismo è parte di quello”.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO