Veggie life for Veggie people

Dott.ssa Aryan Tavakkoli, direttore medico: perché ho scelto vegan

L’aspetto etico della scelta vegan ha portato la Dott.ssa Aryan Tavakkoli ad implementare la dieta vegana nella sua pratica medica

La Dott.ssa Aryan Tavakkoli è specialista nelle malattie respiratorie e dirige la clinica Quantum nel Regno Unito. In questa intervista spiega come è arrivata ad integrare le diete plant based anche nel suo lavoro.

Lei è un medico. Come può accadere nella vita di un medico che all’improvviso o magari passo dopo passo, decide di abbracciare lo stile di vita vegan? È un grande cambiamento!

Sì. Lo è davvero. Ho smesso di mangiare carne quando è nato mio figlio. Adesso ha 18 anni. Quindi è stato 18 anni fa. E poi sono passata a una dieta vegana al 100%, circa 11 anni fa.

ADV
Gel peeling Seacret

Penso che il motivo principale per me sia stata la questione etica. Ovviamente, sappiamo tutti che seguire una dieta a base vegetale ha molti vantaggi per l’ambiente, per la salute e per gli animali. Ma per me, il motivo che allora mi fece cambiare fu per la questione etica.

All’inizio lei non sapeva che fosse salutare?

In realtà, non ero del tutto consapevole delle ragioni salutistiche. Sapevo ovviamente che mangiare più vegetali era meglio, ma in realtà non sapevo molto.

Non veniamo formati in nutrizione nelle scuole di medicina. Non c’è neanche molta formazione post-laurea in nutrizione. Quindi certamente è stato per il lato etico delle cose.

E quando ho appreso di più sugli allevamenti per i prodotti lattiero-caseari e sull’industria delle uova, e sulla natura molto crudele di tali industrie, anche questo mi ha fatto allontanare dai prodotti lattiero-caseari e dalle uova e sono diventata completamente vegana.

È stato dopo questo che ho studiato di più e ho imparato di più. In realtà, ci sono enormi benefici ambientali, ci sono enormi benefici per la salute.

ADV
corso di ecoprinting

Quanto tempo è durato questo processo?

È stata proprio una transizione. Inizialmente ho smesso con la carne rossa, poi ho smesso con la carne bianca e poi ho smesso con il pesce, le solite cose passo dopo passo. Ma il passaggio da vegetariana a vegana è stato velocissimo. È stato praticamente dall’oggi al domani. Un giorno ho deciso basta con i latticini e le uova.

Dove si è procurata le informazioni scientifiche, quelle giuste, che l’hanno convinta che ciò era possibile? Semplicemente online?

Sì. In realtà è molto semplice, ci sono così tante informazioni a cui chiunque può accedere online. Ora ci sono molte associazioni, organizzazioni vegane, con molti documenti e dati. Quindi è estremamente facile ottenere tutte le informazioni.

Perché quello che è successo alla Dott.ssa Aryan Tavakkoli non può accadere al resto dei medici nel mondo?

La formazione medica è molto buona, ma tendiamo a diventare molto rigidi nelle nostre opinioni dopo aver frequentato l’università e la formazione post-laurea. Inoltre, non veniamo a conoscenza di altri documenti che non siano quelli nell’università.

ADV
Mineral-Rich Clarifying Mud Mask

Quindi forse diventiamo un po’ chiusi nell’apprendere altre informazioni. Penso che in un certo senso devi trascendere quella formazione medica e aprirti ad altre aree.

Penso anche che, in quanto medici abbiamo la responsabilità, non solo diretta nei confronti dei nostri pazienti, ma abbiamo anche una responsabilità per la salute dell’insieme.

La salute del pianeta è strettamente collegata alla salute di noi stessi e alla salute dei nostri pazienti. Quindi dobbiamo essere consapevoli di tutte queste cose.

Ad esempio, quando prescriviamo l’olio di pesce ai nostri pazienti, dicendo che gli fa bene, dobbiamo essere consapevoli di ciò che accade, come quell’olio di pesce viene ottenuto. Stiamo decimando gli oceani per ottenere quell’olio di pesce.

Quanti pesci vengono uccisi per ottenere quell’olio? Quante industrie ittiche sono prossime al collasso o sono collassate? Quante specie di pesci sono state eliminate?

Dobbiamo essere molto consapevoli di questi problemi piuttosto che prescrivere i cosiddetti farmaci senza renderci conto dell’impatto globale sull’ambiente.

Quando lei è diventata vegana, era già in grado di dire ai suoi pazienti qualcosa di questo nuovo stile di vita? Ha iniziato subito o ci è voluto del tempo prima di poter essere sicura al 100% che era una buona cosa da fare anche per i suoi pazienti?

C’è voluto del tempo, ovviamente dovevo sentirmi a mio agio con me stessa. Portare questo nella sfera professionale è un’altra cosa.

Ho però iniziato a tenere delle conferenze. A quel tempo vivevo in Nuova Zelanda. E così abbiamo viaggiato con mio marito e mio figlio che all’epoca aveva 6 anni. Abbiamo viaggiato per la Nuova Zelanda tenendo conferenze.

Il tema era l’ambiente. Si chiamava: “La nostra dieta porta a un futuro sostenibile o uccide il nostro pianeta”. Era soprattutto riferito all’ambiente, ma trattava di come la nostra dieta è collegata all’ambiente. E ho inserito anche alcuni aspetti sulla salute.

È così che ho iniziato a diffondere il messaggio. E poi, gradualmente, ho iniziato a menzionarlo nelle consultazioni con i pazienti. Nella medicina convenzionale abbiamo pochissimo tempo con i nostri pazienti. Ma ce n’è abbastanza per piantare un seme.

Ma è stato solo quando ho aperto la mia propria clinica che ho iniziato a lavorare in modo indipendente, e ora posso passare molto tempo con i miei pazienti a parlare di nutrizione.

Che consiglio darebbe la Dott.ssa Aryan Tavakkoli ad altri medici che hanno iniziato ad interessarsi alla possibilità di vivere di solo vegetali?

Nella mia esperienza, i miei colleghi medici vengono convinti solo da una cosa e cioè dalle prove scientifiche, dai documenti. E questo va bene. Io gli dico: guardate gli studi! Guardate le evidenze pubblicate! È tutto molto chiaro.

Aryan Tavakkoli, VegMed 2019
dieta vegana

Molto spesso la risposta che ci viene data, quando noi diciamo ai medici la stesse cose, è: “Ma quegli studi non sono allo stesso livello di quelli che sono fatti sulla carne e sulla validità delle diete onnivore…”

Non sono d’accordo. Ci sono meta-analisi, ci sono revisioni sistematiche. Si tratta di studi clinici di altissima qualità, la miglior qualità, che mostrano che, ad esempio, le diete ricche di grassi portano a una sopravvivenza molto ridotta al cancro. Il grasso proviene principalmente da grassi animali perché le diete a base vegetale non sono generalmente ricche di grassi.

Perché c’è ancora questa resistenza ad andare su internet e cercare le prove giuste?

Le dirò perché. È perché la maggior parte dei medici mangia ancora carne e gli piace. È proprio come all’epoca in cui il fumo era così diffuso. Tutti fumavano: tu andavi in banca e loro fumavano, sui treni e nei ristoranti. Tutti fumavano. Anche i dottori fumavano.

Quindi, ci è voluto molto tempo, è un’abitudine personale, ci è voluto molto tempo per cambiare la mentalità e per cambiare un’abitudine personale.

Ora, abbiamo raggiunto uno stato di urgenza. Penso che tutti conoscano la situazione del nostro ambiente sul pianeta. Non ci sono più scuse per indugiare in queste decisioni. Abbiamo davvero bisogno di informarci sui fatti e di apportare modifiche personali.

Consigliamo anche: Storie di dottori vegani

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO