Veggie life for Veggie people

Dott.ssa Gemma Newman: come sono diventata medico vegan

Gemma Newman diventa medico vegan grazie ad attente osservazioni e analisi scientifiche

La Dott.ssa Gemma Newman, medico vegan con numerose specializzazioni, incominciò ad interessarsi della dieta vegana dopo che suo marito ebbe dei miglioramenti nella maratona adottando un’alimentazione a base vegetale.

“Per me è stata una lunga strada iniziata proprio con mio marito. Lui era un maratoneta e aveva molte infiammazioni alle gambe. Ha dovuto smettere di allenarsi e i suoi allenamenti e le sue prestazioni non stavano andando tanto bene.

ADV
corso di ecoprinting

Così ha deciso: cosa posso fare di diverso per ottenere risultati migliori? Abbiamo iniziato ad osservare persone come Rich Roll, Scott Jurek, Brendan Brazier. Ha letto i loro libri e ha deciso di fare una prova con l’alimentazione a base vegetale integrale.

In quel momento ho pensato: “Oh no! Avrà una carenza nutrizionale. Da dove prenderà le sue proteine?” Non avevo davvero fatto una ricerca sulla nutrizione come avrei dovuto fare.

La cosa andò benissimo. La maratona successiva che corse, la fece un’ora e 10 minuti più veloce della sua precedente. Quindi ha attirato tantissimo la mia attenzione. E ho pensato: “Ok. Mio marito che non è un medico ha scoperto qualcosa che dovrei sapere io?”

Quindi ho fatto molte ricerche. Ho approfondito gli articoli dei giornali, tutti gli articoli dei giornali che potevo. Ho scoperto che c’erano dati meccanicistici, studi di controllo randomizzati, dati epidemiologici, dati sulla salute pubblica.”

ADV
corso di ecoprinting

A che età ha scoperto questi documenti scientifici?

“Beh, avevo circa 35 anni ed è interessante perché ho perso molto peso intorno ai miei 25 anni, ma avevo ancora un alto profilo lipidico e avevo ancora molti dolori al ginocchio quando correvo.

Quando sono passata di nascosto alla dieta a base vegetale (non volevo perdere la faccia), ho scoperto che il mio profilo lipidico si era normalizzato e che non avevo più dolori al ginocchio. E così ho cominciato a rendermi conto personalmente e professionalmente dei benefici.”

Quindi durante i suoi studi classici all’Università non sapeva niente di dieta a base vegetale o qualcosa è stato detto agli studenti?

“Quando ho seguito la mia formazione medica, abbiamo avuto a che fare molto di più con la farmacologia e l’anatomia, la fisiopatologia, la comunicazione. Il tema della nutrizione veniva affrontato solo in relazione alle carenze e alle malattie rare che in realtà non vediamo nel mondo occidentale. Ora, sappiamo che la maggior parte delle cause di morte riguardano le malattie cardiache e il cancro, e non ci si occupa della nutrizione in relazione alle malattie croniche, no.”

ADV
corso di ecoprinting

Lei pensa che i medici di nuova generazione siano più consapevoli di questi studi scientifici o sia ancora difficile farli entrare in contatto con questa nuova letteratura?

“Credo che sia abbastanza vario. Conosco alcuni giovani studenti di medicina che sono appassionatissimi del “Lifestyle Medicine” (medicina dello stile di vita). E che hanno creato le proprie organizzazioni di medicina dello stile di vita nelle loro università.

Ho colleghi che vanno nelle università per insegnare la nutrizione e gli interventi sullo stile di vita. Quindi si stanno facendo progressi, ma possono volerci mediamente 15 anni prima che le scoperte scientifiche passino dalle riviste scientifiche alla pratica medica effettiva. Quindi penso che abbiamo ancora una lunga strada davanti a noi, ma si stanno facendo progressi.”

Che consiglio può dare la Dott.ssa Gemma Newman per i medici interessati a questo nuovo stile di vita?

“Il mio consiglio è che si può diventare il medico più felice del mondo, perché quando impari i benefici della nutrizione a base vegetale e puoi condividerli con i tuoi pazienti, allora loro inizieranno a notare enormi miglioramenti delle loro malattie croniche. I benefici li noterai anche nella tua vita e nella vita dei tuoi cari.

Quindi, il mio consiglio è di andare avanti e pensare al tuo paziente come a una persona, ascoltarlo, aiutarlo e poi lui ascolterà te. E raccoglierai tantissimi frutti.”

Consigliamo anche VegMed Londra 2019: La nutrizione a base vegetale nella medicina tradizionale

Gemma Newman
dieta vegana
Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO