Veggie life for Veggie people

Dott. Neal Barnard: “La rivelazione che mi ha cambiato la vita”

Il lavoro di assistente alle autopsie ha portato il Dott. Neal Barnard a pensare di più alla correlazione tra ciò che mangiamo e la nostra salute

Una scintilla di consapevolezza può cambiare completamente la vita di un uomo. Il Dott. Neal Barnard, uno dei più importanti luminari della nutrizione a base vegetale, racconta quale rivelazione ha cambiato la sua vita.

L’anno prima di frequentare la facoltà di medicina, lavoravo in un ospedale di Minneapolis, nel Minnesota. Ero assistente per le autopsie. Quindi, se qualcuno moriva in ospedale, io aiutavo il patologo a esaminare il corpo.

ADV
corso di ecoprinting

Un giorno abbiamo avuto una persona che è morta per un grave attacco di cuore. Ho preparato il corpo e il patologo ha tolto una grossa sezione di costole dal petto, ha messo le costole sul tavolo scoprendo il cuore. E così il patologo mi ha mostrato com’è l’arteriosclerosi. Ovvero, come appaiono le arterie ristrette nel cuore.

È stata davvero una rivelazione perché la persona non solo aveva la malattia al cuore, ma erano colpite anche le arterie verso il cervello, le arterie carotidi, le arterie delle gambe e le arterie dei reni. Alla fine dell’esame abbiamo risistemato tutto, ho rimesso le costole nel petto e ho ricucito la pelle.

Poi sono andato alla mensa dell’ospedale dove per pranzo servivano costolette. Devo dire che le ho guardate, e mi sembravano proprio di un cadavere, e puzzavano proprio come un corpo. E mi sono reso conto: ma questo è un corpo! E non le ho potuto mangiare.

Non sono diventato subito vegetariano, ma mi pesava nella testa.

E col passare del tempo ho iniziato a pensare di più alle questioni correlate a ciò che mangiamo e di come ciò è legato alla nostra salute e alle scelte che facciamo. Così ho deciso di smettere.

ADV
corso di ecoprinting

Com’è stato possibile che fino a quel momento lei non abbia mai pensato a questo?

Tante persone semplicemente accettano questo. Quando ero un bambino che cresceva nel North Dakota, la mia famiglia allargata allevava bovini da carne. Io stesso ho condotto il bestiame al macello e anche andavo a caccia. Mangiavamo anatre e oche che uccidevamo.

Credevamo sia che fosse culturalmente normale, sia che ne avessimo bisogno per la salute. Non avevo mai incontrato una persona vegetariana, da bambino non ne avevo nemmeno mai sentito parlare. Per fortuna sto recuperando il tempo perduto.

Ma come è possibile che un medico con una formazione classica inizi a cercare un nuovo tipo di informazione? Come ha avuto le sue nuove informazioni?

È vero che nell’educazione medica non si studia molto la nutrizione, era così e purtroppo lo è ancora oggi. Sono stato incuriosito da questo e ho iniziato ad informarmi. A quei tempi cominciava ad esistere una letteratura importante su come gli alimenti potessero incidere sul rischio di malattie cardiache, come il povero paziente che era morto in ospedale, ma anche il rischio di cancro. E la cosa mi ha intrigato.

ADV
corso di ecoprinting

E così prima o poi ho iniziato a eliminare i prodotti animali dalla mia dieta. Sono diventato vegetariano e poi ho buttato via tutto e sono diventato totalmente vegano.

Che consiglio darebbe Il Dott. Neal Barnard ad altri medici che la ascoltano e che magari sono interessati a questo cambiamento di stile di vita?

Quando le persone studiano la nutrizione e la mettono in pratica nella propria vita, per un medico ci sono due enormi vantaggi. Il primo è che i tuoi pazienti diventano veramente grati perché invece di ricevere solo farmaci da te, ora sono partner.

Hanno la possibilità di imparare davvero cosa possono fare gli alimenti per loro e la loro salute migliora così tanto. Alcuni di loro ancora hanno bisogno di prescrizioni mediche e altre cose, ma molti stanno benissimo soltanto con il cambio di dieta.

La seconda cosa è che ciò aiuta i medici stessi. Sto parlando della loro propria salute. La loro salute e la salute delle loro famiglie. In molti casi rivoluziona completamente il modo in cui vedono gli alimenti. E questo è un enorme vantaggio.

Consigliamo anche: Dott. Michael Greger: “Vegano? Devo tutto a mia nonna”

nutrizione vegana
vegan bowl
Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO