Veggie life for Veggie people

Dott.ssa Sue Kenneally, medico di base: come sono diventata vegana

Leggendo tutto ciò che era disponibile nella letteratura scientifica a proposito di dieta vegana, Sue Kenneally trovò che le evidenze a favore erano schiaccianti

Cosa può spingere un medico generalista a tornare a studiare all’università? E se fosse la necessità di conoscere il potere della nutrizione a base vegetale? Questa è la storia della Dott.ssa Sue Kenneally.

È successo quando ero adulta. Sono diventata medico di base (medico di famiglia) intorno al 2003. I dottori in ospedale non conoscono molto bene i pazienti, perché vengono in visita una volta ogni qualche mese, e poi se ne vanno di nuovo. Ma come medico di famiglia vedo spesso i miei pazienti, quindi ho modo di conoscerli molto meglio.

ADV
Gel peeling Seacret

Mi sono subito resa conto in pochi mesi e negli anni successivi che la dieta giocava un ruolo davvero significativo nella vita dei miei pazienti e quanto questa li rendesse sani o meno.

Ho avuto modo di pensare all’alimentazione e questo mi ha portato a tornare all’università. Ho conseguito una laurea in nutrizione per integrare la mia laurea in medicina.

Nel Regno Unito c’è una laurea proprio per i medici che vogliono diventare nutrizionisti. Così sono andata e l’ho fatta.

Ed essendo stata costretta a studiare tutte le prove scientifiche sulla nutrizione, mi sono guardata indietro e mi sono resa conto che le piante sono ciò che ci dà tutta la salute di cui abbiamo bisogno e che la carne non sembra davvero fare molto per noi.

Così ho iniziato a parlare con altri colleghi e ho cercato persone online come il Dott. Michael Klaper, il Dott. Neal Barnard, quel genere di persone. E mi sono resa conto che in realtà le prove scientifiche a favore del veganismo sono schiaccianti. Così diversi anni fa sono diventata completamente vegana.

ADV
corso di ecoprinting

Quali sono state le prime informazioni che hanno cambiato le idee della Dott.ssa Sue Kenneally?

Scrivere delle tesi sui benefici delle piante per la mia laurea è stato molto stimolante. Penso che la cosa che alla fine mi abbia fatto cambiare idea, sia stata quando parlai con una mia amica a proposito del pesce azzurro dicendo: “Beh, sono sicura che il pesce azzurro ti fa ancora bene”. E lei mi ha convinto che in realtà non abbiamo bisogno di mangiare pesce azzurro.

Possiamo mangiare semi di lino e altri oli di semi sani e quelli ci forniranno i nutrienti come il pesce. Possiamo mangiare le alghe che mangiano i pesci e semplicemente eliminare l’intermediario. Quindi quello è stato il giorno in cui ho rinunciato al pesce ed è stato allora che sono diventata vegana perché il pesce era l’ultima cosa che non riuscivo a eliminare dalla mia dieta.

Oggi abbiamo tante prove della letteratura scientifica a favore della dieta vegana. Perché i medici hanno ancora così difficoltà ad accettarle?

Penso che i medici ci mettano del tempo per cambiare. Un esempio di questo è che molti anni fa, c’era una donna che ha fatto alcune ricerche sul cancro infantile.

ADV
Gel peeling Seacret

È la persona che ha portato le prove scientifiche che le donne sottoposte a raggi X durante la gravidanza spesso partoriscono bambini che avranno un cancro.

Ha pubblicato un articolo enorme in un’importante rivista scientifica dicendo che le donne che ricevono dei raggi X hanno due o tre volte più probabilità di avere bambini che avranno un cancro quando sono molto piccoli. Ci sono voluti 20 anni prima che cambiasse qualsiasi politica.

Questo è un esempio, il fumo ne è un altro. Ci vuole tempo prima che si metta in pratica ciò che dice la letteratura scientifica. Penso che stiamo arrivando ad un punto di svolta, penso che la gente stia iniziando ad ascoltare, ma il processo è molto lento.

Che suggerimenti darebbe a un medico che ha appena iniziato ad informarsi, qualcuno che è interessato ma non ha ancora fatto il passaggio?

Gli direi: per favore, leggi le prove scientifiche perché sono schiaccianti, è tutto così ovvio. Come dice il Dott. Kim Williams, un cardiologo americano, ci sono due tipi di cardiologi: i vegani e quelli che non hanno letto i dati.

Basta leggere i dati pubblicati. Ci sono molte fonti autorevoli. Puoi visitare il sito di Michael Klaper, quello di Neal Barnard, quello di Michael Greger. Ma se digiti “dottore vegano”, usciranno molti siti web. Basta leggere!

Consigliamo anche: Storie di dottori vegani

nutrizionista vegan
nutrizionista vegan
Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO