Veggie life for Veggie people

Terapie complementari in oncologia

Il potere delle terapie complementari in oncologia, basate sull’alimentazione vegana e il lavoro della mente, oltre alle cure convenzionali contro il tumore

La Dott.ssa Aryan Tavakkoli ribadisce i risultati ottenuti con le terapie complementari in oncologia, in supporto alle cure convenzionali, utilizzate nella sua clinica. Un approccio basato sull’impiego di diete vegane e di tecniche di visualizzazione positiva ha prodotto risultati sorprendenti.

Come formazione sono un medico pneumologo, sono una specialista in medicina respiratoria e ho lavorato in questo campo per molti anni in strutture ospedaliere. Ma ho scelto di lasciarlo di aprire una mia propria clinica, che è la Quantum Clinic nell’East Sussex nel Regno Unito.

ADV
Gel peeling Seacret

Il motivo per cui ho deciso di fare così è perché volevo avere la possibilità di fare di più per i miei pazienti, rispetto a quello che potevo fare in un ambiente ospedaliero. Una parte di questo era relativa ai consigli nutrizionali. Nella mia clinica ora supporto le persone malate di cancro utilizzando un approccio di medicina integrativa e medicina funzionale.

La medicina integrativa, per le persone che non hanno familiarità con il termine, cerca la migliore soluzione a un problema utilizzando sia trattamenti convenzionali, che terapie non convenzionali basate sull’evidenza. E la medicina funzionale è fondamentalmente la medicina che lavora sulla radice della causa principale. Si cerca, prima di tutto, di identificare i problemi che potrebbero aver causato l’insorgere della malattia.

Terapie complementari in oncologia

Per terapie non convenzionali intendo qualsiasi cosa che sia basata sulle evidenze scientifiche. Ci sono studi che non sono grandi studi randomizzati e controllati. Queste terapie di solito non vengono proposte dalle linee guida nazionali, ma ci sono evidenze per dimostrare la loro efficacia.

Ad esempio, per il cancro: l’ipertermia locale, in particolare utilizzo una tecnica chiamata elettro-ipertermia modulata, nota anche come oncotermia, che è ampiamente utilizzata in Europa e in altre parti del mondo come una sorta di terapia complementare per il cancro. Anche l’ossigenoterapia come ossigeno iperbarico, l’esercizio con ossigenoterapia, la terapia del vischio. Ci sono molte terapie complementari basate su evidenze scientifiche.

Tutte le persone che vedo hanno un cancro molto avanzato, ovvero malati di cancro al 4° stadio. O stanno già ricevendo cure, o hanno ricevuto cure che hanno fallito e quindi seguono ora delle cure palliative. Molte persone dal Regno Unito si recano in Europa, o anche più lontano, per cercare altre possibili vie di trattamento.

ADV
corso di ecoprinting

Ci sono persone che hanno avuto una remissione totale dopo aver avuto una diagnosi di cancro terminale e hanno molte cose in comune.

La prima è che tutti loro hanno cambiato radicalmente la loro dieta. In particolare, hanno eliminato completamente o hanno ridotto significativamente l’assunzione di carne, zucchero, latticini, alimenti trasformati e cibi raffinati. Allo stesso tempo hanno aumentato l’assunzione di frutta e verdura, acqua filtrata e alimenti biologici. Questo è quello che fanno per quanto riguarda la loro dieta.

Poi fanno molte altre cose in termini di mente ed emozioni, ad esempio, rilasciano emozioni negative come rabbia, amarezza e rimpianto. E noi sappiamo che l’ormone dello stress, il cortisolo, che viene rilasciato in situazioni di stress, è anche un fattore cancerogeno. Quindi qualsiasi cosa facciano per ridurlo.

Questo accade in un breve periodo di tempo o ci vuole molto tempo per questi cambiamenti?

Le modifiche di cui parlo sono basate sul libro “Radical remission” scritto dalla Dott.ssa Kelly Turner. Ha intervistato 1.000 persone che avevano raggiunto la remissione completa dopo una diagnosi terminale, o che stanno andando molto meglio del previsto, dopo una prognosi molto sfavorevole. Ha scoperto che queste persone avevano nove cose in comune.

ADV
Gel peeling Seacret

Una di queste era il cambio della dieta. Poi molti fattori mentali ed emotivi, rilasciare emozioni represse, aumentare le emozioni positive, trovare una connessione più profonda con l’universo o una connessione spirituale. Tutte queste cose hanno fatto una grande differenza.

Qual è il potenziale della dieta vegana nei confronti di malattie come il cancro?

Ci sono molti dati che mostrano che le persone che seguono dieta vegana stanno molto meglio a lungo termine con il cancro. Quando dico dieta vegana, intendo dieta ricca di frutta, verdura, cereali integrali, legumi e a basso contenuto di grassi. Questo è molto importante perché è noto che il grasso è uno dei meccanismi utilizzati dalle cellule tumorali per diffondersi e metastatizzare.

Sopratutto parliamo del grasso saturo che proviene principalmente da prodotti animali. Quindi una dieta povera di grassi, povera di cibi raffinati, un’alimentazione a base vegetale di cibo integrale. Questo è il motivo per cui il World Cancer Research Fund ora raccomanda un maggiore apporto di frutta, verdura, cereali integrali e legumi e un basso apporto di carne e grassi. E lo raccomandano sia per la prevenzione del cancro, che dopo una diagnosi di cancro per migliorare l’esito.

Ci sono anche molti studi, ad esempio, c’è una meta-analisi su quasi 10.000 donne con cancro al seno che sono state seguite. Alcune di loro hanno seguito una dieta povera di grassi, altre – una dieta ricca di grassi. Hanno scoperto che le donne che seguivano una dieta povera di grassi avevano un rischio ridotto di circa il 25% di recidiva del cancro al seno. Quindi, in generale, erano donne che mangiavano più cibi vegetali.

C’è stato un altro studio randomizzato e controllato su quasi 50.000 persone con cancro che sono state seguite per 16 anni. Ed è stata riscontrata una riduzione di circa il 50% della mortalità in coloro che seguivano una dieta a basso contenuto di grassi, principalmente una dieta vegana. Quindi ci sono molte prove evidenti sul consumo di cibi vegetali.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità, ovviamente, ha classificato la carne lavorata come cancerogeno del gruppo 1 e la carne rossa come cancerogeno del gruppo 2A, che è un probabile cancerogeno.

Tutti dovremmo diventare vegani

Occorre un cambiamento a livello individuale, comunitario, nazionale e internazionale. Credo che recentemente ci sia stato un enorme cambiamento. Soltanto nel Regno Unito, le vendite di alimenti a base vegetale sono aumentate vertiginosamente negli ultimi due anni. Prima quando entravi nei supermercati, non avresti mai visto un’intera sezione dedicata ai cibi vegetali. Ora, vai in qualsiasi supermercato e c’è una sezione dedicata ai vegani, una sezione dedicata ai vegetariani. È in quasi tutti i normali supermercati in cui entri.

Il numero dei vegani è aumentato. La consapevolezza, soprattutto tra i giovani, della necessità di passare all’alimentazione a base vegetale è notevolmente aumentata. E questo è molto legato anche alle questioni climatiche e alle questioni ambientali di cui tutti siamo diventati consapevoli. Quindi sì, dobbiamo ancora migliorare molto, ma penso che ultimamente ci siano stati degli enormi cambiamenti e penso che continuerà così.

Per quanto riguarda la sua clinica, ha qualche qualche risultato che potremmo considerare una prova scientifica delle terapie complementari in oncologia?

Ho aperto la mia clinica e ho iniziato il mio programma contro il cancro da poco. È davvero troppo presto per me per avere dati personali, non posso fornirli. Ma altri pazienti mi hanno raccontato le loro esperienze.

Ad esempio, conosco un uomo con cancro avanzato alla prostata. Il suo antigene prostatico specifico, che è un marker tumorale misurato nel sangue, è stato monitorato. Questo valore è alto in chi ha il tumore alla prostata. Lui ha seguito una dieta a base vegetale, tra le altre terapie: seguiva un trattamento standard, ovviamente. Il suo PSA, l’antigene prostatico specifico, è tornato alla normalità. Ha poi sentito parlare della dieta chetogenica, che è una dieta ricca di grassi, l’ha iniziata perché era entusiasta di questo.

Quello che non sapeva è che il cancro alla prostata utilizza, forse anche più di altri fattori, il grasso come meccanismo di diffusione. Quindi ha iniziato questa dieta ricca di grassi e ha visto il suo PSA iniziare a salire. Ha smesso subito tornando ad una dieta a base vegetale di cibi integrali. Il PSA è tornato di nuovo giù.

Terapie complementari in oncologia: l’importanza di agire sulla mente

C’è una cosa che anteporrei anche all’alimentazione a base vegetale di cibi integrali quando ho a che fare con il cancro ed è la mente. Penso che la mente sia probabilmente lo strumento terapeutico più potente che abbiamo ed è quasi completamente ignorato nelle consultazioni mediche. Ma ancora una volta, ci sono molti studi che esaminano l’effetto dell’immaginazione e come possiamo persino influenzare il nostro stato fisiologico usando la visualizzazione.

C’è stato uno studio condotto su 80 donne con cancro al seno che hanno seguito un trattamento convenzionale per il cancro al seno. A metà delle donne è stato insegnato come utilizzare le immagini visive per visualizzare le loro “cellule natural killer”, che è un particolare tipo di cellula che uccide le cellule tumorali identificando ed eliminando le loro cellule tumorali.

Lo hanno fatto con regolarità per diverse settimane. Alla fine dello studio, i ricercatori hanno eseguito degli esami del sangue alle donne che hanno eseguito le visualizzazioni regolarmente e alle donne che non le hanno fatte. Hanno scoperto che le donne che le facevano avevano livelli più elevati di attività delle loro “cellule natural killer”. Ovvero le cellule che cercano, trovano ed eliminano le cellule tumorali.

Hanno quindi trovato una risposta fisiologica basata esclusivamente su schemi di pensiero e visualizzazioni eseguite con regolarità. È un’area molto affascinante e che non sfruttiamo per niente in medicina, dovremmo sfruttarla.

Dott.ssa Aryan Tavakkoli
dieta vegana

Ci sono molte terapie mente-corpo che possono essere utilizzate.

Io stessa uso l’ipnoterapia come parte della mia pratica clinica. Faccio molte cose nella mia clinica e la nutrizione a base vegetale di cibi integrali è la base, ma offro anche una serie di terapie complementari. L’ipnoterapia può essere pensata come una sorta di visualizzazione guidata, anche se è più di questo. Se fatta regolarmente e se il paziente si esercita di nuovo a casa, può essere molto utile. Ma anche solo la tua immaginazione può essere molto potente.

C’é un altro studio: hanno studiato i pazienti usando la Risonanza Magnetica funzionale, scannerizzavano il cervello. Un gruppo di pazienti guardava disegni di oggetti semplici mentre il loro cervello veniva scansionato. Un altro gruppo di pazienti invece questi oggetti li immaginava soltanto. Gli oggetti vengono loro descritti.

Quello che hanno scoperto è che si attivavano le stesse aree del cervello, sia che le persone stessero effettivamente guardando i disegni o che stessero solo immaginando di guardare i disegni. Quindi questo suggerirebbe che il cervello in realtà non distingue tra realtà e immaginazione. Questo è probabilmente il motivo per cui è stato dimostrato che l’uso della normale immaginazione crea un impatto fisiologico.

Consigliamo anche: VegMed Londra 2019: La nutrizione a base vegetale nella medicina tradizionale

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO