Iscriviti ora alla nostra Veggie Newsletter
e scarica subito 5 gustosissime ricette
Vegan by Uno Cookbook!

Veggie life for Veggie people!

Scienze e Studi

  • Pinterest
  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter

Ciò che mi ha fatto diventare vegana - Brenda Davis



"Quella frase cambiò il corso della mia vita e diventai vegana". Brenda Davis viveva in un'area dove tutti erano cacciatori. Ora è uno degli autori più conosciuti in tema di diete a base vegetale e stile di vita vegano.
 
"Sono una dietista certificata. Vivo a Kelowna, nel British Columbia, a circa 4 ore a est di Vancouver. Sono una dietologa da circa 35 anni e sono vegana da circa 30 anni. Penso che il mio lavoro sia stato un lavoro pionieristico nella nutrizione vegana e vegetariana nel corso della mia carriera. Ho iniziato la mia carriera come nutrizionista della salute pubblica insegnando la guida alimentare tradizionale con la carne e i latticini come gruppi alimentari e così via. E così 30 anni fa, quando decisi di passare a una dieta a base vegetale, fui un po' preoccupata che potessi essere espulsa dalla mia professione perché non sapevo nemmeno se ci fossero altri dietologi vegetariani nella vita reale sul pianeta. Non ne avevo mai incontrato uno. È stato davvero in un momento in cui questo era davvero innovativo da fare. Il cambiamento che ho visto in oltre 30 anni a fare questo è davvero incoraggiante! A quei tempi non avrei mai creduto che saremmo arrivati dove siamo oggi. Ed è meraviglioso da vedere. Penso che in Nord America la transizione sia stata un po' più rapida di quella europea in cui le diete vegane sono particolarmente presenti. In ogni caso il mio campo, ovvero la mia competenza, è ovviamente nella nutrizione vegetariana e vegana. Ho appena terminato il mio decimo libro, ho scritto in modo abbastanza approfondito e sono stata anche un po' coinvolta nella ricerca sul diabete. Tutto ciò è stato nelle Isole Marshall. In questo momento lavoro privatamente, la maggior parte di ciò che faccio è scrivere e parlare al pubblico e fare interventi sullo stile di vita in vari luoghi. Questa è davvero la mia passione.
 
Sono molto felice che quando ho deciso di passare a una dieta a base vegetale, non ho lasciato la mia professione perché ero un po' nervosa su come i miei colleghi avrebbero reagito. Probabilmente giustamente nei primi tempi questo era qualcosa di un po' nuovo per loro. Ma quello che ho notato è che erano sempre interessati. Sono sempre interessati a come si possa essere vegetariani in modo corretto. Quindi quella era la nostra nicchia, della mia compagna di scrittura Vesanto Melina e di me, quella era la nostra nicchia e abbiamo aiutato i dietologi ad aiutare i loro clienti per fare queste diete in modo corretto. Una delle cose che forse mi sconvolge di più nella pratica dietetica tradizionale è che i dietisti, invece di insegnare alle persone come fare queste diete in modo corretto, dicono semplicemente: "Oh, non dovresti farlo, è troppo pericoloso" o "I bambini non dovrebbero essere vegetariani" o qualsiasi altra cosa. Perché penso davvero che la colpa per i bambini che non la fanno bene ricade direttamente sulle nostre spalle. Dobbiamo fornire linee guida davvero valide e solide. Quindi nessuno può sbagliarsi. Questo è possibile. Abbiamo visto centinaia e migliaia di bambini crescere sani seguendo diete a base vegetale. Quindi non c'è dubbio che si possa fare, è solo come fare per farle in modo appropriato nel modo in cui minimizza assolutamente, se non elimina, il rischio per la maggior parte delle persone vulnerabili.
 
Una delle domande che mi vengono spesso poste è perché sono diventata vegana. In realtà vivevo nell'Ontario settentrionale 30 anni fa, quando feci il passaggio. E l'Ontario settentrionale è un territorio di caccia e pesca. Tutti cacciano e pescano. Non ci sono vegetariani lì. Era il tempo in cui sarebbe stato molto improbabile che qualcuno di lì potesse fare quel tipo di cambiamento nella dieta. Ma quello che è successo a me è che, essendo una dietista, ero molto interessata alla salute. Mi sono trovata a passare gradualmente a mangiare più cose come lenticchie e verdure, solo un graduale spostamento verso una dieta più ricca di vegetali, più forte di vegetali, se volete. Ma quello che mi ha fatto prendere la svolta verso una dieta completamente vegana è stata la cosa più improbabile che voi possiate immaginare. A dire il vero è stato un caro amico che stava andando a caccia. Cacciava cervi. Quando ha chiamato e ha detto: "Posso fermarmi (da te), sto andando a caccia di cervi". E ho detto: "Certo". Ma ero molto sensibile verso gli animali e sono stata molto turbata dal fatto che stava per sparare a un altro animale innocente. Così ho pensato: "Cosa potrei dire a lui per impedirgli di sparare a un altro cervo?" Quando arrivò, dissi: "Non capisco perché vuoi andare ad uccidere un cervo, sono animali così belli e innocenti, tutto ciò che vogliono è vivere. Perché dovresti andare a spararne uno, quando non ne hai bisogno?" Ed è stato quello che mi ha risposto che ha cambiato il corso della mia vita. Pensavo che lo avrei convinto di qualcosa ma in realtà finì per ritorcersi contro in un modo molto pesante. Ciò che mi disse fu: "Solo perché non hai il coraggio di premere il grilletto, non significa che non sei responsabile per il grilletto che viene premuto ogni volta che acquisti il tuo pezzo di carne mimetizzato nel cellophane nel negozio di alimentari". Ha detto: "Almeno gli animali che ho mangiato hanno avuto una vita. Dubito che tu possa dire lo stesso per quelli che si trovano nel tuo piatto".
 
Era la prima volta che qualcuno mi diceva che dovevo assumermi la responsabilità per il cibo che stavo acquistando al supermercato. Ho sempre avuto questa immagine di una sorta di fattoria del vecchio MacDonald nella mia mente. Mia madre è cresciuta in una fattoria e loro avevano questa mucca Betsy e loro la mungevano e bevevano il suo latte. E avevano un paio di maiali. Era una famiglia molto antiquata, una piccola fattoria di famiglia. Coltivavano principalmente grano e cose del genere, e alcuni animali. Immaginavo che la vita per gli animali fosse come in quella fattoria in cui è cresciuta mia madre. E dopo che questo amico mi ha sfidato in questo modo, ho deciso che dovevo sapere di più da dove provenivano gli animali che stavo mangiando. Ho passato un paio di settimane ad informarmi. Quello che ho imparato, mi ha riempito di vergogna, in tutta onestà. Mi vergognavo di essere un essere umano perché quello che era successo nel corso di alcuni anni era che il numero di animali che stavamo uccidendo era cresciuto così tanto che, per fare guadagnare soldi agli allevatori, avevamo creato metodi di allevamento molto intensivi. Le chiamiamo ora "Concentrated Animal Feeding Operations - CAFO", allevamenti industriali in cui ci possono essere centinaia di migliaia di maiali in un stabilimento. I maiali sono animali che hanno intelligenza di, in realtà probabilmente sono un po' più intelligenti di un cane medio. Sono stati giudicati intelligenti come un bambino di 3 anni. Penso che questa stima per i cani sia circa come un bambino di 2,5 anni. E i maiali, c'era uno studio a Berkeley che mostrava che si poteva insegnare molto velocemente come si gioca a un gioco al computer in cui dovevano abbinare 2 oggetti uguali, e accoppiandoli correttamente, avrebbero ottenuto un premio in uscita da un imbuto in basso. La ricercatrice ha detto che i maiali non avevano mai fatto un errore in quel gioco. Diceva che ha cercato di insegnare agli scimpanzé quel gioco e ci mettevano molto più tempo per capire rispetto a qualsiasi maiale. Diceva che non riuscivano a insegnare quel gioco ai cani.
 
Quindi i maiali sono molto più intelligenti di ciò che pensiamo. Quando pensate: centomila maiali in un edificio. La normale durata della vita, penso sia di circa 12/15 anni, molto simile ai cani. Vivono 6 mesi. 6 mesi nelle condizioni più orrende che voi possiate immaginare. Sono in questa gabbia dove non possono sdraiarsi, difficilmente possono muoversi. Le loro code sono tagliate, le loro orecchie sono mozzate, i loro genitali sono ..., sapete, vengono castrati quando hanno circa 3 settimane e tutto questo per ridurre loro la possibilità di impazzire e mordere la coda del maiale di fronte a loro. Qualunque cosa sia. Il loro olfatto è circa 200 volte più sensibile del nostro. La sporcizia in questi edifici è così tanta che dobbiamo indossare una maschera antigas per entrare, e quei poveri animali vivono in quella sporcizia. E questi non sono animali sporchi, in realtà sono animali puliti. Questo è un incubo, una vita di sei mesi per degli esseri molto senzienti e molto intelligenti. La prima volta che vedono la luce del giorno è quando li portano al macello. Nel mattatoio si cerca di essere così efficienti con la velocità delle operazioni, che si stima che dal 10 al 30% di questi animali non siano inadeguatamente storditi e quindi vengono bolliti vivi. Lo faremmo mai al nostro cane? Non credo, quindi, perché stiamo giustificando ciò per un animale che è intelligente e sicuramente sensibile. Non c'è giustificazione. Macelliamo 70 miliardi di animali su questo pianeta all'anno. La nostra popolazione sta crescendo, la domanda di carne sta crescendo nelle nazioni in via di sviluppo. È un sistema che rende assolutamente .. per me è un sistema che è eticamente ingiustificabile. Sono arrivata ad un punto della mia vita in cui ho detto: "Non voglio contribuire a quel tipo di dolore, sofferenza e morte quando non ce n'è bisogno". E non ne abbiamo bisogno. Non solo non dobbiamo dare gli animali questo tipo di infelicità. In realtà, nello stesso tempo, stiamo danneggiando il pianeta perché allevare questi animali per il cibo è talmente ecologicamente distruttivo. E stiamo danneggiando la nostra salute perché molte delle malattie per le quali stiamo morendo sono indotte dal mangiare troppo di questi prodotti animali dall'alto contenuto di grasso. Quindi si perde in tutti i fronti, sia per gli animali da allevamento, che per coloro che li consumano.
 
Come esseri umani pensanti, dovremmo avere abbastanza intelligenza per essere in grado di elaborare un sistema di produzione di cibo che non causi dolore e sofferenza in altre creature. E che sia davvero ecologicamente sostenibile per la popolazione umana in continua espansione. Non mi interessa che la gente dica: "Beh, ha un buon sapore, beh, è questo, è quello, ha un sacco di proteine", qualunque cosa sia. Dovremmo essere abbastanza intelligenti da immaginarci un'altra via, anche se è ciò di cui sentiremo parlare più tardi in questa conferenza: comprendere come coltivare la carne o come preparare un hamburger che abbia il sapore della carne. Dobbiamo avere la tecnologia per trovare delle soluzioni se la gente vuole questo gusto. Forse possiamo ottenere quel gusto senza causare questa sorta di distruzione che stiamo causando".
 
Questo video  è stato realizzato durante il Congresso Internazionale VegMed 2018 a Berlino dalla web-tv Veggie Channel.
 
Regia: Massimo Leopardi
Editing: Julia Ovchinnikova
 
 
Alcuni libri di Brenda Davis e Vesanto Melina:
 
 
 
 
 
 

Vota
  • Pinterest
  • Google Plus
  • Facebook
  • Twitter
Galleria foto
VegMed 2018








Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere un'ottima esperienza su questa pagina. Cliccando OK ci confermi che sei d'accordo.
OK      Approfondisci