Iscriviti ora alla nostra Veggie Newsletter
e scarica subito 5 gustosissime ricette
Vegan by Uno Cookbook!

Veggie life for Veggie people!

Esperienze Veggie

  • Pinterest
  • Facebook
  • Twitter

Karateka nazionale vegana - Giulia Ricci



Da 12 anni oramai Giulia Ricci, atleta nazionale di karate e maratoneta nel tempo libero, segue un'alimentazione vegetariana. Circa un anno fa decide di provare la dieta vegana e osservare su di se gli eventuali cambiamenti. 
 
Nel 2013 ha partecipato ai mondiali in Romania. In questo video racconta di se e della sua carriera sportiva ma fa anche una panoramica delle varie discipline del karate. Giulia ha 29 anni e pratica questo sport da quasi tutta la sua vita, ora per lei non è più solo uno sport ma è una filosofia che accompagna molti o quasi tutti i momenti della sua vita.
 
Il suo obbiettivo non è fare gare anche se partecipa ad alcune. La sua gara più importante si svolge all'interno di se e si esplicita attraverso il rapporto con tutto ciò che entra in relazione con lei nella vita.
 
Il suo allenamento tipico si svolge in circa due ore, di cui quaranta cinque minuti sono di preparazione atletica. Si comincia con quindici minuti di corsa per riscaldarsi e poi si eseguono una seri di esercizi come i piegamenti a terra, gli addominali, scatti di corsa, skip con le gambe. I restanti 54 minuti dell'allenamento si eseguono i Karate Kion Kata e Kumite.
 
Per quanto riguarda l'alimentazione, Giulia osservandosi ha potuto individuare degli alimenti che prima di un allenamento don deve consumare perché molto difficili da digerire, come i funghi per esempio. E' una grande consumatrice di pasta, pane, soia, tofu e altri preparati, seitan. Proteine vegetali e carboidrati nella forma più semplice possibile sono la base della sua dieta. La frutta e la frutta secca, quindi anche i semi costituiscono il suo spuntino ideale e li consuma soprattutto verso le 15:30 - 18:00, tenendo conto che l'allenamento di solito comincia alle 20:00.
 
Prima delle gare Giulia preferisce non cambiar nulla alla sua solita alimentazione e questo è per non aver sorprese sapendo perfettamente come si sentirà e cioè bene come tutti i giorni.
 
Per quest'atleta è difficile dire quanto la dieta vegetariana abbia influito sulle sue performance sportive in quanto quando ha iniziato l'attività agonistica era già vegetariana. Non ha quindi idea se ci possa essere un beneficio a fare sport cibandosi di cibi vegetali o meno. Con la dieta che segue sin da bambina trova che il suo corpo reagisse sempre benissimo agli allenamenti, allo stress e anche il recupero dopo lo sforzo è soddisfacente e rapido. Giulia è anche donatrice di sangue e questo la dice lunga quindi sul suo stato di salute generale e i risultati delle sue analisi non denunciano alcuna carenza.
 
Anche da vegetariana Giulia non consumava formaggi per il fatto che viene utilizzato il caglio animale per la loro fabbricazione e ciò non lo ritiene etico nei confronti della vita degli animali. Latte e uova invece erano parte della sua dieta in quanto se ne approvvigionava dal contadino vicino casa sua in campagna.
 
Malgrado Giulia conservi ancora qualche dubbio sulla questione dei derivati animali, ha deciso di non consumare più anche le uova, il latte e i latticini. Molto interessante la sua osservazione della scomparsa dei crampi allo stomaco nel momento in cui ha sostituito il latte vaccino con quello vegetale.
 
Video realizzato della Web-tv Veggie Channel.
 
Intervista di Massimo Leopardi
Montaggio: Julia Ovchinnikova
 

Vota
  • Pinterest
  • Facebook
  • Twitter
Galleria foto
Altri partecipanti del 1° Convegno sull'alimentazione vegana e lo sport agonistico








Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere un'ottima esperienza su questa pagina. Cliccando OK ci confermi che sei d'accordo.
OK      Approfondisci